Punto informatico Network

20080829223249

Guai in Vista?

01/08/2005
- A cura di
Zane.
Archivio - Il marchio "Vista" sarebbe già trademark di una piccola azienda di software, che ora minaccia un'azione legale.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

vista (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4.5 calcolato su 49 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Una piccola software house specializzata in sviluppo software ed assistenza sta valutando di intraprendere un'azione legale contro Microsoft per violazione di copyright: cose che succedono regolarmente, ed di cui neanche più si da notizia. In questo caso però l'azienda si chiama niente di meno che Vista, ovvero proprio il nome commerciale scelto da Microsoft per Windows Longhorn. Ms_vista-logo.gif

John Wall, CEO del gruppo Vista, ha preannunciato che la propria azienda è ormai sul piede di guerra: a quanto pare infatti si stanno già valutando le opzioni e le modalità per intentare causa al monopolista di Redmond.

Il manager ha detto che al momento sta analizzando da vicino il traffico del sito aziendale, per capire se i visitatori arrivino cercando informazioni su Windows Vista: in quel caso la violazione sarebbe evidente, e vi sarebbero tutti i presupposti per procedere.

Bill Lozito, responsabile di un azienda specializzata in consulenza sul branding, ha affermato che in caso Vista decidesse di procedere, le argomentazioni del gruppo sarebbero sicuramente valide anche in tribunale: la categoria merceologica delle due aziende è infatti molto simile, ed un abuso del brand potrebbe causare una emorragia di clienti verso il monopolista.

Qualche analista ha azzardato che Microsoft possa modificare ulteriormente il nome della prossima versione di Windows, abbandonando "Vista": la cosa è, a mio avviso, assolutamente impensabile: analizzando la diatriba non posso fare a meno di lanciarmi in qualche profezia: prevedo una intensificazione delle minacce (che non farà altro che fare pubblicità a vista.com) fino ad arrivare ad un passo dal tribunale. A quel punto Microsoft sborserà parecchi milioni di dollari per acquistare il marchio Vista... o forse perfino tutta l'aziendina e con essa il diritto di utilizzo del brand.

Non sarebbe la prima volta: nel 1998 Microsoft pagò 5 milioni di dollari sonanti al provider Synet per l'utilizzo del marchio "Internet Explorer". Al momento della commercializzazione del proprio browser infatti, Microsoft aveva dimenticato di controllare la disponibilità del brand, che risultava assegnato al ISP fin dal 1995.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 2.76 sec.
    •  | Utenti conn.: 81
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 2.64