Punto informatico Network

20090121154405_388857304_20090121154331_1100407281_PS3.jpg

Il codice per craccare PlayStation 3 è ora disponibile per tutti

28/01/2010
- A cura di
Zane.
Videogiochi - L'hacker che pochi giorni fa aveva annunciato di essere riuscito a violare PS3 ha reso disponibile pubblicamente l'exploit impiegato. "Prendetene e studiatene tutti, ma non piratate" pare essere il motto. Ma sarà sufficiente a placare le ire di Sony?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

codice (1) , playstation (1) , playstation 3 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 88 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il ventenne George "geohot" Hotz si è dimostrato uomo di parola. Dopo aver annunciato pubblicamente di essere riuscito a craccare il sistema di protezione di PlayStation 3, Hotz aveva preannunciato l'intenzione di fornire maggiori informazioni sulla propria scoperta nei giorni a venire. E così è stato.

Tramite un post inserito sul suo blog personale, lo smanetttone ha reso disponibile l'expolit che consente di prendere controllo (quasi) completo della memoria della console, e guadagnarsi, almeno sulla carta, piena libertà di eseguire qualsiasi tipo di applicazione: da quelle non firmate digitalmente, a sistemi operativi differenti nonché, naturalmente, ai giochi memorizzati su DVD copiati.

L'archivio ps3_exploit.zip pubblicato da geohot contiene il codice sorgente in linguaggio C dell'exploit, ed è corredato da un file di istruzioni ed una fotografia del scheda madre di PlayStation 3, della quale è evidenziato un punto specifico

Ps3_exploit.png

Stando a quanto si legge, gli interessati dovranno dapprima compilare il file, quindi eseguirlo sulla console e quindi inviare un impulso sul circuito evidenziato nella foto.

Holtz avverte che l'esito della procedura è variabile: in alcune circostanze si assiste solamente ad un crash del kernel o delle altre componenti software, ma in altre l'exploit funziona come previsto, e diviene così possibile ottenere l'effetto voluto.

La speranza dell'abile programmatore è che ora la community di appassionati possa prendere quanto proposto e continuare a sviluppare il concetto fino ad ottenere un risultato di una qualche utilità pratica: "Ho una vita a cui tornare, e non posso continuare a lavorare su questo giorno e notte", si legge nel blog. E quindi probabile che, d'ora in avanti, geohot sospenda le attività su PS3 o, comunque, riduca notevolemente il tempo dedicato al progetto.

Le intenzioni sono puramente "conoscitive", concetto ribadito anche nei numerosi avvisi che si leggono sul sito e come commenti al codice: il materiale è proposto solamente a scopo di ricerca, e l'autore non condona la pirateria.

Nonostante le buone intenzioni, è altamente probabile che i primi a capitalizzare sul lavoro di Holtz siano proprio i pirati "professionisti" e gli sviluppatori di "mod-chip", certamente interessati a poter lucrare sul mercato dei giochi per PS3 piratati che la violazione dei meccanismi di sicurezza va a socchiudere.

In vero, probabilmente questo non succederà nell'immediato futuro. Stando all'interessante articolo di commento pubblicato da Eurogamer ed indicato da Holtz stesso, rimangono ancora in piedi molte protezioni in grado di impedire l'esecuzione di titoli acquisiti illegalmente.

Si attende ora la reazione di Sony. Se è facile prevedere l'arrivo di una diffida tramite la quale si tenti di forzare l'autore a rimuovere l'exploit dal sito, è più difficile prevedere quali saranno le contromisure sul piano tecnico: Holtz aveva infatti anticipato che il problema è di natura strutturale, e difficilmente Sony avrebbe potuto correggerlo tramite un semplice update al firmware della console.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.34 sec.
    •  | Utenti conn.: 116
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.22