Punto informatico Network

20090518183615_1411327778_20090518183522_1316498258_rapidshare.png

Rapidshare sotto accusa: ha violato il copyright

26/06/2009
- A cura di
Filesharing Peer-to-peer - Il celebre portale di upload di file è stato accusato da GEMA e processato. Sconfitto dalla Corte Regionale di Amburgo non ha comunque dovuto pagare nessun risarcimento.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

accusa (1) , copyright (1) , rapidshare (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 85 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Anche Rapidshare, celeberrimo sito di file-hosting, è stato aggredito dall'uragano dei protettori del diritto d'autore, ricevendo lo stesso trattamento di molte altre vittime, più o meno recenti. Proprio per il servizio offerto dal portale, infatti, anche GEMA, che rappresenta oltre 60.000 individui fra artisti e compositori, ha fatto sentire la propria voce.

Citando in tribunale Rapidshare per aver reso disponibili al download illecito 5000 dei brani della propria collezione, GEMA ha ottenuto la vittoria. La corte ha giudicato il portale colpevole di violazione del copyright, e ha stimato il valore delle canzoni sui 24 milioni di euro, senza però convertirli in una multa.

Rapidshare ha dovuto cancellare dal proprio database tutti i 5000 file, ed assicurarsi che gli stessi non venissero caricati di nuovo. Tuttavia questa manovra è stata giudicata inefficace e si dovranno adottare misure più restrittive per impedire il download di brani contenuti nel database GEMA.

"Siamo sicuri che in questo modo ridurremo l'uso illegale di opere presenti nel repertorio GEMA" ha detto il Dr. Harald Heker, CEO dell'Azienda, soddisfatto del risultato ottenuto e fiducioso in un futuro che vede la pirateria battuta su tutta la linea.

Anche Bobby Chang, COO di Rapidshare ha espresso la propria opinione: "Non credo che questa vittoria significhi un reale passo in avanti. Come hanno dimostrato molti casi che hanno anche coinvolto GEMA stessa, l'esito di un processo varia molto in base alla corte".

Eppure le recenti battaglie hanno visto spesso la condivisione sconfitta, nonostante l'ottimismo di gran parte dei suoi sostenitori.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.37 sec.
    •  | Utenti conn.: 109
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.24