Punto informatico Network
Canali
20090618213509_1145798619_20090618213453_565732449_Windows_XP_BSOD.png

Scopri chi provoca le schermate blu di Windows

03/08/2010
- A cura di
Tecniche Avanzate - Chi di noi non ha mai visto una "schermata blu" di Windows? Il difficile è capire chi o che cosa provochi questo errore, in modo da correggere il problema ed impedire che si presenti nuovamente. MegaLab.it propone la guida pratica a due strumenti gratuiti per la diagnostica: "WhoChared" e "BlueScreenView".

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , crash (1) , bsod (1) , schermate blu (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 190 voti

Esiste un altro software, forse ancora più semplice da utilizzare, per ottenere maggiori informazioni sulle schermate blu. Il programma, prodotto dalla software house Nirsoft, è freeware e può essere scaricato liberamente raggiungendo la relativa pagina al seguente link: BlueScreenView.

È possibile anche prelevare (dalla medesima pagina, link diretto qui) un piccolo file per la traduzione in italiano. È sufficiente scompattarlo nella cartella dove abbiamo già salvato BlueScreenView per localizzare l'applicazione nella nostra lingua.

In breve:

  • nessuna installazione è richiesta per il suo funzionamento (è sufficiente scaricare il file compresso, estrarre il contenuto e lanciare l'eseguibile);
  • funziona con sistemi operativi Microsoft da Windows XP fino a 7, sia a 32 sia a 64 bit (in realtà l'ho testato anche in Windows 2000 e opera senza alcuna difficoltà).

Questa la schermata principale del programma.

BSV_000.jpg

Andiamo ora ad analizzare l'interfaccia grafica per capire come utilizzare lo strumento al meglio.

Nel pannello superiore è visibile l'elenco dei crash del tipo BSoD per i quali è stato prodotto il dump della memoria. Nel nostro caso, sono stati rintracciati solo due crash, con indicati:

  • il momento (giorno e ora) in cui il crash si è prodotto;
  • la c.d. Bug Check String, ossia l'identificativo della tipologia di crash;
  • il Bug Check Code, ossia il codice assegnato all'errore;
  • la sequenza dei parametri caratterizzanti l'errore.

Facendo muovere verso destra la barra di scorrimento del pannello superiore, potremo scoprire altre colonne descrittive del crash. Quella che più ci interessa e che ci aiuta a capire dove si è scatenata la BSoD, è la colonna contraddistinta con la voce Caused by Driver.

Siamo quasi alla fine, anche perché questo programmino è molto semplice e possiamo personalizzarlo facilmente.

Passiamo quindi al pannello inferiore.

Evidenziati, in genere con un colore tra il rosa e il viola, troviamo i driver presenti nello stack della memoria al momento del crash.

Per rivedere, attraverso il nostro BlueScreenView, la fatidica scherma blu, sarà sufficiente modificare un'opzione del programma:

  • Options -> Lower Pane Mode -> Blue Screen in XP Style;
  • in alternativa, equivalente a quanto sopra, si può premere il pulsante F8 dalla finestra del programma.

Ed ecco che ritroviamo gli elementi che ci servono per indagare sul problema (evidenziati con un ovale nella screenshot che segue).

BSV_002.jpg

Per chiedere aiuto sul nostro forum e postare la screenshot del programma (come quella appena sopra) è sufficiente:

  • lanciare il programma;
  • premere la combinazione di tasti: ALT + STAMP;
  • aprire un qualunque software per manipolare immagini (va bene lo stesso Paint di Windows);
  • copiare (paste) e salvare quanto contenuto negli appunti di Windows;
  • pubblicare l'immagine così salvata come descritto nell'articolo: Inserire immagini e dati nel forum.

In chiusura, a volte, per impedire il riavvio automatico del nostro elaboratore e, quindi, la non visualizzazione della BSoD, è necessario agire come segue (istruzioni in ambiente Windows 7):

  • clic destro del mouse sull'icona Computer presente sul desktop;
  • selezionate la voce Proprietà, quindi scegliete Impostazioni di sistema avanzate;
  • nella finestra che compare, andate nella scheda Avanzate, quindi cliccate sul pulsante Impostazioni..., relativo al riquadro Avvio e ripristino;
  • ora, togliete il segno di spunta in corrispondenza della voce Riavvia automaticamente e confermate con Ok.

Per ora è tutto, il programma non nasconde ulteriori opzioni e funzionalità che necessitano di spiegazioni e approfondimenti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!
Pagina precedente
Scopri chi provoca le schermate blu di Windows

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2018 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.48 sec.
    •  | Utenti conn.: 45
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 48
    •  | Tempo totale query: 0.26