Punto informatico Network

20090604174759_2124770779_20090604174750_1940337321_parlamento.jpg

Elezioni Europee: anche i Pirati in parlamento?

05/06/2009
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Il partito dei Verdi europei sembra avere molti punti in comune con l'ideologia del file sharing. Nonostante gli scarsi successi esso si sta muovendo sempre di più dalla parte dei condivisori, facendo leva su una campagna elettorale all'insegna della difesa del P2P.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

pirati (1) , pirateria (1) , the pirate bay (1) , politica (1) , peer-to-peer (1) , verdi (1) , three strikes (1) , elezioni (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 186 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Anche alle elezioni europee i condivisori potranno avere un partito che li rappresenti in tutto e per tutto. Dopo il medio successo riscosso dal Partito Pirata in Svezia, il quale si è occupato della strenua difesa di The Pirate Bay durante il processo, a livello europeo sembra che il parito dei Verdi si stia muovendo nella stessa direzione.

In questo momento esso occupa 42 seggi ma, con la campagna promossa in questi tempi, si pensa che il numero possa ampliarsi considerevolmente. I Verdi si sono infatti attivati parallelamente alle ultime vicende che hanno interessato il mondo del file-sharing, iniziando il loro operato nel 2008 con un video pubblicitario ad incitamento del P2P.

Questo partito ha poi combattuto aspramente molte vicende attuali, tentando di abbattare normative come IPRED ed i famosi "three strikes". Nonostante gli scarsi risultati, esso continua ad essere proiettato verso la tutela della condivisione di file via Internet.

Il partito ha esposto molto esplicitamente la propria idea, descrivendosi come un movimento che vuole favorire la distribuzione della cultura in un mondo dove la Rete è lo strumento migliore a riguardo. Dall'altra parte essi sono convinti che gli unici violatori punibili non siano tutti coloro che si appropriano di materiale musicale o video a scopo privato, bensì coloro che sfruttano questa possibilità per guadagnare illegalmente.

Le stesse manovre di "spionaggio" dei computer non vengono accettate dai Verdi europei, in quanto tali atteggiamenti sono inequivocabilmente delle violazioni della privacy di un privato cittadino. Forse sono proprio queste le idee condivise da molti degli appassionati di peer-to-peer, e forse una rappresentazione parlamentare a livello europeo potrebbe essere un ottimo passo per chi ha sempre difeso la libera circolazione delle opere.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.29 sec.
    •  | Utenti conn.: 61
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.15