Punto informatico Network

IE, Internet Explorer, Internet, explorer

La grande minaccia Internet... oppure no?

17/01/2005
- A cura di
Zane.
Archivio - Uno studio rivela che la maggior parte degli artisti non è minimamente preoccupata per reti e condivisione... anzi, in molti sfruttano Internet per lavorare meglio.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 80 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il P2P non è visto come una minaccia dalla maggior parte degli artisti. Internet in generale è considerato un potente mezzo per migliorare il proprio prodotto ed i propri introiti.

Questo quanto emerge dallo studio-bomba del gruppo Pew Internet & American Life Project: la rilevazione compiuta su 2.755 artisti (tanto superstar quanto cantanti ad inizio carriera) mostra che la quasi totalità dei creativi utilizza Internet per creare, pubblicizzare e vendere i propri prodotti.

Anche i toni riguardo al "filesharing selvaggio" sono molto più pacati rispetto a quelli sbandierati dalle major del settore: sebbene la maggior parte dei musicisti ritenga che la violazione di copyright perseguita via Peer-to-Peer debba essere considerata illegale, gli artisti non vedono in questa abitudine un pericolo concreto per il proprio mercato, e sembrano ben disposti a tollerare la cosa.

In generale, l'impressione di tutti è che la rete abbia portato loro più guadagno che non perdite causate dallo scambio di materiale protetto.

Se la copia privata viene tollerata, le posizioni contro la pirateria vera (ovvero chi rivende opere tutelate senza detenerne i diritti) sono ben distinte: se per un 48% l'attività deve essere considerata illegale, un 46% non vede in questo abuso un danno tale da essere considerato al di fuori della legalità.

Percentuali simili anche sul delicato punta della copia non-privata ma senza fine di lucro: alla domanda "considerate illegale masterizzare un CD per un amico?" il 47% ha risposto di essere favorevole ad una legislazione più morbida, che consenta questa attività, mentre il 41% la ritiene attività criminosa.

Il lungo studio di Pew (in inglese) è disponibile qui in formato PDF.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.13 sec.
    •  | Utenti conn.: 134
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0