Punto informatico Network

Canali
20080829222604

The Avenger: un tool dalle strabilianti capacità

01/04/2008
- A cura di
Sicurezza - Un potente tool in grado di intervenire efficacemente sui file in memoria e sul registro: un ottimo alleato nella battaglia contro i virus e i malware in genere.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

tool (1) , the avenger (1) , avenger (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 693 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

In questi mesi, si è spesso sentito parlare di The Avenger, di solito citato in merito alla rimozione di molti virus e malware che quotidianamente affliggono i nostri computer. Ma cos'è questo tool? Qual è la sua funzione?

The Avenger è un potente strumento gratuito, capace di cancellare file presenti sul PC e apportare modifiche al registro di sistema; è proprio questa caratteristica che ne fa un alleato fondamentale nella guerra giornaliera contro i virus.

Il segreto della sua straordinaria efficacia risiede nella sua capacità di caricare i comandi a livello kernel, il che gli consente di effettuare i comandi impartitigli nelle primissime fasi di avvio del computer, quando praticamente nessun virus è attivo e la rimozione, quindi, risulta molto più semplice.

Inserito aggiornamento per la versione 2 di Avenger, ora compatibile con Windows Vista. Per l'utilizzo della nuova versione leggete questa pagina

Introduzione al funzionamento

Come detto, The Avenger è utilissimo in quanto in grado di eseguire pressoché tutte le modifiche che desideriamo. Ma come impartirgliele? Proprio questo lo rende uno strumento difficilmente utilizzabile, da adoperare solo sotto la supervisione di una mano esperta.

Infatti, esso necessita di essere "programmato" a mano, tramite una serie di comandi ben precisi, i cosiddetti script, che devono essere preparati con cura e precisione. Ecco perché ci sentiamo in obbligo di sconsigliare all'utente alle prime armi di giocherellare con questo programma. Precisamente, esso non è in grado di riconoscere file ed elementi del registro sani da altri infetti. Se per errore eliminaste il file sbagliato, nel peggiore dei casi potreste danneggiare irrimediabilmente il sistema operativo, causandone un non corretto funzionamento, o addirittura il non funzionamento.

Per quanto concerne la preparazione degli script, essa verrà trattata in seguito.

L'interfaccia

L'interfaccia, seppur non eccezionale dal punto di vista del design grafico, è di facile interpretazione.

Facciata.jpg

Come possiamo notare, il primo insieme di comandi (1) ci consente di inserire lo script da eseguire. Abbiamo tre modalità di caricamento dello script:

  • Load script from file: serve a caricare lo script da eseguire da un file preesistente nel PC. Ci basterà sfogliare le cartelle del PC per selezionare il file contente lo script. Il file in questione dovrà essere un classico file del notepad, con estensione.txt
  • Load script from Internet URL: si tratta di un'opzione che ci consente di caricare lo script da un indirizzo URL. N.B.: l'indirizzo dovrà essere provvisto del classico http:// e il file, come sopra, deve essere in formato .txt
  • Input script manually: quest'ultima opzione ci permette di inserire manualmente lo script da eseguire.

Notiamo inoltre la presenza di altri tre pulsanti:

  • 2) Questo pulsante ci consente di avviare il programma una volta inserito lo script; dopo averlo premuto, riceveremo due avvisi: essi ci informeranno che abbiamo settato il programma, per far funzionare il quale occorre riavviare il sistema.
  • 3) Questo pulsante ci permette di entrare nella modalità di modifica dello script. Se abbiamo selezionato lo script da un file sul nostro disco rigido o da un file sul web, esso ci consentirà di modificarlo. Se abbiamo scelto di imputare manualmente il codice, potremo inserirlo ex novo oppure modificare quello già inserito.
  • 4) Questo pulsante ci consente di uscire dal programma e chiudere la finestra.
Pagina successiva
Gli script: file e cartelle

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.41 sec.
    •  | Utenti conn.: 100
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 26
    •  | Tempo totale query: 0.24