Punto informatico Network

Canali
20080829213236

Don't Bite This Apple

16/03/2005
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Approfondito viaggio a puntate nei meandri di Cupertino, con storia, commenti e riflessioni sull'universo Macintosh e dintorni, per scoprire e conoscere le alternative ai blasonati sistemi Windows. Update: Seconda Parte.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

apple (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 251 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Introduzione

Innanzitutto chi vi parla è uno studente universitario di informatica, appassionato da anni alla materia e con uno spiccato interesse verso i sistemi di casa Cupertino (sede di Apple Computer, in California).

Sono "nato" al tempo delle scuole medie su un sistema Olivetti, lo utilizzavo per scrivere la ricerca per l'esame di terza.

Poi è arrivato il primo PC con Windows: da li avrei toccato i maggiori sistemi recenti di casa Redmond (sede di Microsoft Corporation, nello stato di Washington), da Windows 95 a Windows XP; ho anche avuto brevi esperienze su altri sistemi, ma non è scopo di questa sezione illustrarli tutti.

In questi ultimi anni poi, ho avuto il piacere di poter dapprima testare ed Steve_s.jpginfine utilizzare produttivamente sistemi Linux-based.

Arrivò poi il momento di iscrivermi all'università: idee in testa, scelte di percorso, computer portatile: volevo avere a che fare con la grafica, quindi scelsi un computer Apple, un iBook precisamente.

Questa fu la motivazione ufficiale che mi portò a scegliere un computer con Macintosh, ma sinceramente al tempo non sapevo nemmeno io perché mi intestardii su quel sistema, così costoso e oscuro (mai utilizzato uno prima di quel momento).

Apple e Macintosh

Partiamo dalle basi, occorre avere bene a mente di cosa stiamo parlando.

Apple è un'azienda, fondata da Steve Jobs e Steve Wozniak alla fine degli anni'70; Apple inventò il Personal Computer, ovvero riuscì a portare nelle case delle famiglie i primi computer; famosi sono l'Apple II e il Lisa.

Cos'è allora Macintosh?

Il sistema operativo che Apple cominciò a produrre nel lontano 1984 per le sue macchine. Si chiamava Mac OS. Apple quindi divenne anche produttrice di software.

Lisa.gifMacintosh è stato il primo sistema operativo a finestre, che utilizzava il mouse come tutti noi lo utilizziamo oggi.

Quindi: Apple ha inventato il PC e, sempre Apple, ha inventato il primo sistema operativo grafico a finestre... non male eh!?

Qui la storia di Apple in italiano

Che differenza c'è...?

Oggi i produttori di macchine si sono moltiplicati, capita anzi che sono sempre meno coloro che preparano l'intera macchina in proprio, come faceva Apple al tempo.

Hewlett Packard (ad esempio) compra il processore, la memoria, la scheda madre, ecc, da altri produttori e poi le assembla.

Apple ultimamente fa lo stesso: da in ordine i processori e gli altri componenti ad altre aziende, e poi li assembla secondo il suo metodo.

Cosa distingue Apple dagli altri allora?

Il tipo di processore: Apple utilizza processori RISC (Reduced Instruction Set Computers) chiamati PowerPC prodotti Macintosh.gifstoricamente da Motorola e oggi anche da IBM, contro i CISC (Complex Instruction Set Computers) noti come x86, prodotti ad esempio da Intel (serie Pentium) e AMD (serie Athlon).

Come ben sappiamo, il processore è il cuore di un computer ed è anche quel componente che distingue l'esecuzione dei software; qui si differenzia anche la clientela di una certa macchina piuttosto che un'altra.

Da sempre i computer con processori RISC sono più performanti per operazioni specifiche e ripetitive, mentre i CISC si adattano meglio agli usi più variegati.

Poi c'è il mercato: i RISC erano adatti a pochi ma grandi clienti, mentre i CISC potevano andar bene anche per un uso personale; i produttori quindi, preferivano vendere processori x86; più produttori, prezzo minore, ... facile intuire il finale.

Ho capito, andiamo avanti

Siamo negli anni'90 e la crisi di Apple era nota a tutti.

Fu allora che il tavolo dei dirigenti decise di richiamare Steve Jobs Imac.jpg (precedentemente allontanato) a capo dell'azienda, e fu allora che Apple resuscitò.

Erano gli anni degli iMac colorati, degli iBook a forma di conchiglia e con colori sgargianti... ma erano anche gli anni in cui cominciò un progetto rivoluzionario al sistema operativo Mac OS; gli anni in cui Linux "fece il botto" e in cui Apple doveva rendersene conto.

Fu allora che nacque Mac OS X (X come numero romano 10), oggi considerato il miglior sistema desktop basato su Linux!

La prima puntata è finita... personalmente non ho mai sopportato la storia, ma era necessario fare un po' il punto della situazione prima di addentrarci nel mondo della mela.

Le puntate a venire descriveranno meglio il nuovo sistema operativo Mac OS X e cercheranno di svelare il mito di diversità che accompagna la mela.

Il forum vi aspetta per discutere di Apple e Mac, per ora nella sezione "Linux e open source": infatti mai sezione sarebbe più adatta al Mac di oggi... poi ne capirete il motivo.

Pagine
  1. Don't Bite This Apple
  2. Mac OS X

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.27 sec.
    •  | Utenti conn.: 143
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.11