Punto informatico Network

20081228221852_1774516428_20081228221823_2058387421_Untitled.png

Microsoft sospende le vendite di Windows XP

03/07/2008
- A cura di
Zane.
Archivio - Microsoft interrompe la commercializzazione di Windows XP. È il primo passo che porterà gradualmente all'abbandono del prodotto. Windows Vista avanti tutta?

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , windows xp (1) , windows (1) , xp (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 243 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

L'ora è giunta, e, questa volta, Microsoft non concederà ulteriori proroghe. Più o meno.

Windows XP ha raggiunto il fatidico momento in cui non verrà più commercializzato: "Il 30 giugno Microsoft interromperà la distribuzione di Windows XP come prodotto autonomo acquistabile presso i negozi nella propria confezione" si legge sulla pagina dedicata.

Cosa cambia

Da notare che si tratta solamente del primo passo che porterà all'abbandono progressivo di Windows XP.

La notizia di oggi interessa unicamente chi desiderasse acquistare nuove licenze: chi già possiede una copia di Windows XP non è invece interessato da tali cambiamenti. Il sistemone Microsoft infatti, rimane ancora pienamente supportato.

Le novità per chi vuole acquistare

La fine delle vendite significa di fatto che chi desiderasse acquistare la versione "in scatola" di Windows XP, dovrà affrettarsi: le uniche copie disponibili nei negozi sono rimanenze di magazzino, ultimate le quali il buon vecchio cartonato blu o verde rimarrà solo un ricordo.

Non solo limitazioni per la versione full però: Microsoft interrompe la fornitura di Windows XP anche ai grandi assemblatori, quali Dell, HP, Lenovo e tutti gli altri big del settore. Anche in questo caso quindi, l'unica speranza di accaparrarsi una macchina dotata di Windows XP preinstallato è costituita dalle scorte preesistenti. Speranza che, ad ogni modo, potrebbe essere vana: molti produttori hanno già sospeso la commercializzazione di PC dotati su Windows XP da parecchi mesi.

Cosa resta uguale

Nei fatti, quelle elencate in precedenza sono le uniche due modifiche che interessano le nuove licenze.

Windows XP continuerà ad essere venduto ai piccoli assemblatori ("system builder") fino a gennaio 2009. I dettaglianti divengono quindi una possibile scappatoia per chi abbisognasse assolutamente del "buon vecchio XP".

Allo stesso modo, continuerà la commercializzazione di licenze Windows XP Home destinate ai computer "con limitate capacità hardware" (fra cui i cosiddetti "Netbook" di cui EEE PC è stato il capostipite) fino a giugno 2010.

L'opzione "downgrade"

L'alternativa più valida per chi necessitasse di nuove copie di Windows XP è l'opzione di downgrade. Acquistando un PC dotato di Windows Vista Ultimate oppure Windows Vista Business infatti, è possibile richiedere il passaggio a Windows XP, conservando inoltre il diritto di poter tornare a Windows Vista in un momento successivo, senza costi di licenza aggiuntivi per nessuna delle due operazioni.

Alla pagina Microsoft dedicata sono disponibili tutte le informazioni sull'argomento: è importante notare però che "Microsoft non fornisce i supporti di installazione o il product key del software di downgrade. Potrai quindi installarlo se disponi di una copia originale di Windows XP acquistato in scatola (versione FPP), preinstallato in un PC (versione OEM/System Builder) oppure con le opzioni multilicenza di Microsoft". Se state valutando la possibilità di "acquistare-e-downgradare", raccomando di verificare preventivamente di possedere il supporto per l'installazione di Windows XP ed un codice valido, e comunque di consultarvi con il venditore al riguardo.

Da notare inoltre che il diritto di downgrade contempla unicamente il "retro-aggiornamento" verso l'edizione Professional: il passaggio a Windows XP Home in questo modo non è contemplato.

Cosa cambia per chi già utilizza Windows XP

Come detto in apertura, la notizia non interessa chi, oggi, è già dotato di Windows XP sul proprio sistema. Microsoft continuerà a fornire il pieno supporto, comprensivo di aggiornamenti gratuiti (sia per falle di sicurezza, sia per problemi differenti) fino ad aprile 2009.

Di lì in avanti, il supporto a Windows XP verrà ridimensionato: verranno rilasciati gratuitamente solo aggiornamenti di sicurezza, mentre per ottenere tutte le altre patch sarà necessario sottoscrivere un contratto di assistenza a pagamento. Tutto questo al più fino ad aprile 2014, data in cui è fissato il funerale ultimo di Windows XP: dopo tale data, Microsoft non rilascerà più aggiornamenti di alcun tipo, neanche di sicurezza e nemmeno a pagamento.

L'opinione

Per chiunque desiderasse rimanere legato a Windows XP, il consiglio è quello di orientarsi verso l'acquisto di Windows Vista e sfruttare l'opzione di downgrade. Acquistando direttamente Windows XP per altre vie, si spenderebbe denaro per un prodotto a cui, in fin dei conti, rimangono al massimo un paio d'anni di vita utile. Trascorsi i quali, volenti o nolenti, sarebbe necessario pagare ancora per acquistare una licenza di Windows Vista, oppure Windows 7.

Sfruttando l'opzione di downgrade invece, il passaggio potrà essere totalmente gratuito.

Come sottolineato però, il diritto di downgrade non contempla il passaggio a Windows XP Home, e nemmeno è possibile a partire dalle edizioni Windows Vista Home Basic ed Windows Vista Home Premium. In tale circostanza, il consiglio è quello di tenersi il nuovo Windows: se inizialmente qualche problema di compatibilità poteva essere una valida argomentazione, ad oggi non vi sono davvero motivazioni valide per cui un utente domestico dovrebbe voler acquistare un nuovo PC dotato di XP invece che di Vista.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.32 sec.
    •  | Utenti conn.: 55
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.14