Punto informatico Network

Contenuto Default

Iron Man contro Niko Bellic: chi ce l'ha più grosso, il portafogli?

13/05/2008
- A cura di
Archivio - Scontro fra titani al box office di queste settimane, che vede contrapposti uno dei film più attesi e il videogame che promette di ridefinire il settore da molti punti di vista. Nel mezzo, com'è loro solito, i manager di Hollywood a fare la figura dei fessi. O peggio dei malintenzionati.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 154 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

01_-_Iron_Man.jpgHollywood, si sa, è solita piangere lacrime amare per il proprio, periodico insuccesso al botteghino, ponendo l'accento dei suoi fallimenti sulla pirateria telematica, il P2P, il mercato dei falsi e chissà cos'altro. Salvo poi, naturalmente, esultare per la crescita dei guadagni quando la produzione non si concentra sulla spazzatura precotta che attualmente va per la maggiore, al cinema come in tanti altri campi dell'entertainment di massa.

Nell'ottobre del 2007 le major cinematografiche hanno individuato il nuovo capro espiatorio a cui addossare le colpe della propria sostanziale incapacità a fare cinema, vale a dire il mercato dei videogame. Un settore in crescita costante, quello del divertimento interattivo, al punto da minacciare la stessa sopravvivenza delle sale cinematografiche, almeno secondo la vulgata diffusa delle major suddete.

I manager di Hollywood erano partiti dalla considerazione, nel periodo di tempo in oggetto, dello strabiliante successo nelle vendite di Halo 3, il blockbuster Microsoft per Xbox 360 che ha venduto milioni di copie totalizzando 170 milioni di dollari di ricavi nel primo giorno e 300 milioni nella prima settimana.

Master Chief avevo dovuto in quel caso vedersela con Ben Stiller come protagonista della commedia "Lo spaccacuori", costata 60 milioni di dollari e in uscita lo stesso weekend. Risultato: Halo 3 ha battuto Lo spaccacuori per 10 a 1 - arrotondando per difetto - e le major hanno accusato una riduzione del 27% nei ricavi rispetto a ottobre 2006. Certo a nessuno è venuto in mente di considerare la qualità generale dell'offerta contemporanea dei due media, e alle accuse ai videogame come affamatori di onesti film-makar sono state fatte crescere le gambe.

02_-_Niko_Bellic.jpgLo scontro cinema-videogiochi si è riproposto in maniera plateale nei giorni scorsi, in occasione dell'uscita della pellicola tutta effetti speciali Iron Man e la hit videoludica annunciata Grand Theft Autio IV. In questo caso, però, le cose sono andate diversamente rispetto al passato: il film basato sul personaggio dei fumetti Marvel ha debuttato nel week-end con un guadagno netto di oltre 100 milioni di dollari, classificandosi come secondo maggiore incasso della storia per una pellicola originale.

GTA IV, dal canto suo, è riuscito a superare i già stratosferici risultati di Halo 3 vendendo 6 milioni di copie - su Xbox 360 e PS3 - in 5 giorni per oltre 600 milioni di dollari in ricavi. Una cifra che, per quanto sia un record senza precedenti, è perfettamente in linea con i 100 milioni di dollari investiti da Rockstar North nello sviluppo.

A venire clamorosamente e puntualmente dequalificate sono le previsioni di analisti, executive e pappagalli assortiti dello showbiz, sempre buoni ad accusare agenti esterni - il P2P, la pirateria, i videogame e qualsiasi altra cosa possa essere facile bersaglio del loro arguto e fallace argomentare - piuttosto che a rimarcare le reali motivazioni della crisi di settore, perso tra sequel infiniti e una incapacità creativa che costringe a guardare costantemente a mezzi di comunicazione più giovani e innovativi, come i fumetti e appunto i videogame, per sintetizzare uno straccio di nuova idea.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.54 sec.
    •  | Utenti conn.: 103
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.34