Punto informatico Network

Cestino, riciclo, spazzatura, sporco, carta, pattume

Quanta spazzatura! Nuovi dati su SPAM e dintorni

06/07/2004
- A cura di
Zane.
Archivio - Il problema globale dello spamming ha ormai raggiunto dimensioni tali da minacciare la reale fruibilità della e-mail come strumento di produttività: i numeri sono sconfortanti.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

spam (1) , dati (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 130 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il problema globale dello spamming ha ormai raggiunto dimensioni tali da minacciare la reale fruibilità della e-mail come strumento di produttività: i numeri sono sconfortanti.

Nel quadro genreale, buone notizie si accostano ad rivelazioni ben peggiori, ed emergono interessanti percentuali sui prodotti più sponsorizzati.

Una corte di appello di Washington ha infatti respinto l'appello di Jason Heckel, uno spammer professionista che utilizzava proprio le "junk e-mail" per promuovere il proprio kit miracoloso "Come fare soldi con Internet" ("How to Profit From the Internet") in vendita per "soli" 39.95$.

Heckel dovrà ora pagare secondo le decisioni del processo a suo carico del 2002: circa 100.000$ fra spese legali e danni.

Come dicevamo però emergono anche dati molto sconfortanti: stando ad alcune ricerche realizzate dal noto portale Yahoo, ben il 20% degli utenti ha acquistato almeno una volta un prodotto pubblicizzato tramite SPAM, nonostante quasi l'80% lo consideri un grosso fastidio.

Inutile sottolineare come sia del tutto impossibile debellare questa piaga telematica fino a quando gli spammer professionisti continueranno a ricevere buoni introiti dalle loro azioni.

Rese note infine alcune statistiche: il 55.69% delle mail-spazzatura partirebbero dagli USA, e pubblicizzano siti web prevalentemente ospitati su server cinesi (73.58% del totale). La maggioranza dei prodotti sono di natura medica, fra cui svettano droghe e altri prodotti magici per potenziare ed ingrandire alcune parti del corpo..

Questa la classifica completa dei prodotti più "spammati"

Droghe/Medicinali - 29.53%

Prestiti e Mutui - 9.68%

"Crescite Miracolose" - 7.05%

Shopping - 6.86%

Software - 6.11%

Prodotti finanziari - 5.87%

Offerte di lavoro da casa - 4.06%

Appuntamenti - 3.15%

Pornografia - 3.1%

Perdita di peso - 2.62%

Prodotti di bellezza e salute - 2.53%

Soluzioni finanziarie per debiti - 2.48%

Lauree e titoli di studio - 2.43%

Assicurazioni auto - 1.86%.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.41 sec.
    •  | Utenti conn.: 109
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.21