Punto informatico Network

Nota, musica, CD, leggio, trasparente, trasparenza

Tesoro, mi si sono ristretti i CD!

01/07/2004
- A cura di
Zane.
Archivio - Sembra essere l'ultima trovata delle major dell'intrattenimento per arrestare il pauroso calo nella vendita di CD.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

cd (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 142 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Sembra essere l'ultima trovata delle major dell'intrattenimento per arrestare il pauroso calo nella vendita di CD.

I PocketCD, già apprezzati da molti smanettoni per la loro portabilità, sono CD-ROM dalle dimensioni di 8cm, con capacità di archiviazione variabile fra 150 e 200 MB.

Stando ad alcune dichiarazioni recenti, i discografici utilizzeranno ora questi supporti al posto dei tradizionali AudioCD di dimensioni standard per vendere i "singoli" degli artisti più noti al grande pubblico.

BBC News riporta che i brani di "50 Cent" e "The Rasmus" potrebbero essere i primi ad essere distribuiti con il nuovo formato.

I dischettini includeranno, oltre al singolo, anche alcuni gadget, come immagini e bonus relativi all'artista.

Vero punto di forza secondo gli organizzatori, il PocketCD conterrà anche una versione del singolo utilizzabile come suoneria per il telefonino. Il alternativa, si sta anche valutando di includere solamente un codice, che consentirà all'utente di scaricare la suoneria da un apposito sito web.

L'iniziativa tenta di rinnovare l'appeal dei dischi audio sul mercato, cercando di frenare i download di musica da Internet, ed in particolar modo dai circuiti di filesharing selvaggi del peer-to-peer.

Signori discografici... non ci siamo!

Non saranno certo qualche suoneria (che per altro potrebbe essere un ulteriore settore in crisi) e qualche orpello rintracciabile su qualsiasi funclub a risollevare le sorti di un mercato in crisi! Inoltre, per ammissione stessa di un portavoce di Universal, i PocketCD avranno una compatibilità inferiore rispetto ai normali AudioCD, e i lettori più datati, quindi sicuramente anche con le classiche autoradio, potrebbero avere qualche serio problema nel riprodurli correttamente.

La direzione da prendere è un'altra: dopo il fallimento dei CD protetti, quanti soldi dovrete investire ancora prima di capirlo?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.23 sec.
    •  | Utenti conn.: 126
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.1