Punto informatico Network

Office, Office2003, cartella, documenti, ufficio

Office Genuine Advantage è tra noi

08/11/2006
- A cura di
Zane.
Archivio - Per scaricare componenti aggiuntivi per Microsoft Office è ora necessaria la validazione del prodotto. E dal prossimo anno... ulteriore giro di vite contro la pirateria.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 210 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Da alcuni giorni Microsoft ha attivato una politica più restrittiva per chiunque desiderasse scaricare modelli, add-on ed orpelli aggiuntivi per Microsoft Office dal sito ufficiale. Microsoft_office_puzzle_integrated.gif

Prima di poter procedere al download infatti, è necessario superare un test di autenticità del software, in modo del tutto simile a quanto avviene con Windows Genuine Advantage (WGA) per i download aggiuntivi di Windows XP.

Per il momento la validazione interessa unicamente template ed add-on di scarsa importanza, ma a partire dai primi mesi del 2007 verrà estesa anche a tutti gli aggiornamenti non-critici. Come già avviene con WGA, gli update di sicurezza di primaria importanza continueranno ad essere disponibili anche per chi non fosse in regola.

Microsoft consentirà a chiunque venga pizzicato con una copia illegittima di Office di acquistare una licenza valida (prezzo compreso fra 100 e 400 dollari a seconda della versione) oppure di ottenere una copia gratuita del prodotto se il cliente sarà disponibile a compilare un apposito form che aiuti l'azienda ad identificare il venditore fraudolento.

Personalmente ho abbandonato la suite da ufficio Microsoft ormai da parecchio tempo, preferendo il pacchetto gratuito OpenOffice.org. Certo bisogna ammettere che, nonostante i tanti proclami che girano per la rete, la suite open source non è altrettanto completa rispetto alla controparte commerciale, e sicuramente non sfoggia una interfaccia utente altrettanto gradevole. Ma sono più che convinto del fatto che possa sopperire egregiamente alle necessità di qualsiasi utente medio. E il portafogli ringrazia.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.23 sec.
    •  | Utenti conn.: 99
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.11