Punto informatico Network

HD, hard disk, disco fisso, harddisk, hdd

Blu-ray vs HD DVD, mini-BD da TDK e chip tuttofare da NEC

19/10/2006
- A cura di
Archivio - Vi presentiamo la solita carrellata settimanale di notizie sui nuovi formati dell'alta definizione e dello storage ottico da decine di Gigabyte..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

dvd (1) , blu-ray (1) , chip (1) , nec (1) , tdk (1) , mini-bd (1) , hd (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 209 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Ancora novità dal rutilante mondo dell'hi-definition e dei super dischi che dovrebbero prendere il posto del comodo e pratico Digital Versatile Disk, in un futuro non precisato e non precisabile. Se anche gli analisti concordano con l'opinione dell'uomo della strada (cioè che l'alta definizione ora come ora non serve, se non a vendere qualcosa di poco innovativo e gli stessi identici film passati già dal "travaso generazionale" tra VHS e DVD), e se, come suggerisce ancora l'evidenza, grazie ai nuovi dispositivi audiovisivi si possono ottenere risultati degni di nota anche con gli schermi capaci di supportare la risoluzione piena di 720p o l'interpolazione artificiale dei flussi, le aziende elettroniche impegnate in questa guerra fratricida non cessano di annunciare novità e sviluppi ulteriori delle tante (forse troppe) tecnologie in gioco.

TDK mostra i mini dischi Blu-ray da 8 cm

L'apprezzata produttrice di supporti ottici, da tempo dichiaratasi sostenitrice esclusiva del campo di Sony e della Blu-ray Disc Association, ha recentemente presentato un supporto Blu-ray di ridotte dimensioni. Un vero e proprio mini Blu-ray insomma, che in soli 8 cm riesce a far entrare 16,5 Gigabyte di dati per singolo layer, il che porta ad un'interessantissima capacità di 33 Gigabyte in caso di supporti a doppio strato.

01_-_Mini-BD.jpg

Il ritrovato è stato pensato soprattutto per rendere agevoli le applicazioni portatili dell'alta definizione, specialmente per il settore delle videocamere prosumer. E se ancora non è pressante una tale esigenza di portabilità della nuova tecnologia, avere a disposizione supporti dalla innegabile praticità d'uso come i dischetti made-by-TDK può rivelarsi un ottimo inizio per quando il mercato sarà finalmente pronto. Purtroppo nulla ancora si sa riguardo il prezzo finale dei supporti, anche se si sottolinea ancora una volta come esso tenderà a scendere con l'aumentare della diffusione di Blu-ray. Certo invece è il fatto che saranno commercializzate versioni sia registrabili che riscrivibili dei nuovi dischetti.

Sony vende i primi film su dischi double layer

Nonostante i dischi Blu-ray registrabili a doppio strato (che nel nuovo formato a luce blu corrisponde a ben 50 Gigabyte di capienza) siano già disponibili da Agosto scorso, solo ora Sony annuncia la vendita imminente di titoli commerciali BD-DL. Per la precisione, "Click", "Black Hawk Down" e "Talladega Nights" verranno resi disponibili a distanza di un mese l'uno dall'altro a partire dal 10 Ottobre.

Oltre ad una maggiore interattività, ai commenti audio e ai contenuti esclusivi, i titoli offriranno una qualità ancora superiore rispetto a quella di un disco Blu-ray a singolo strato, e audio PCM non compresso ad alta definizione. "Black Hawk Down" includerà la funzionalità Blu-Wizard playlist, che permette allo spettatore di personalizzare in totale libertà le modalità di accesso e di fruizione dei contenuti speciali inclusi.

Molto interessanti infine i prezzi: "Click" verrà venduto per meno di 30 dollari americani, o almeno questo è quanto viene indicato nel pre-order che è possibile effettuare su Amazon.com.

NEC lavora per la realizzazione del lettore unificato

02_-_NEC_Logo.gifAltro argomento ricorrente della telenovela infinita dei formati rivali Blu-ray e HD DVD è la corsa al fantomatico lettore unico, che ogni tanto riappare sotto forma di annunci di nuovi miracolosi dispositivi in grado di risolvere come per incanto la diatriba tecnologica e commerciale.

Questa volta tocca a NEC, e al suo annuncio della realizzazione di un microchip compatibile con entrambe gli standard: impiegato su un ipotetico lettore ibrido, sarebbe capace di gestire la decodifica dei flussi di dati stoccati sia su dischi Blu-ray che su supporti HD DVD. Insomma, né più né meno di quanto già prometteva di fare il chip di Broadcom di cui abbiamo parlato ad inizio anno (rif. Broadcom realizza un chip compatibile con Blu-ray e HD DVD), e che finora non ha portato a nessuna realizzazione pratica.

La cosa interessante pare sia l'estrema convenienza di produzione del nuovo chip, che permette a NEC di venderlo a soli 84 dollari a unità, che corrisponde più o meno allo stesso prezzo dei chip impiegati nei lettori compatibili con un solo formato. La commercializzazione in massa del chip dovrebbe partire dall'Aprile prossimo, e la compagnia si aspetta di vendere 300.000 unità nel corso dell'anno fiscale.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.24 sec.
    •  | Utenti conn.: 97
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.11