Punto informatico Network

Contenuto Default

Nuovi metodi di indagine

02/04/2004
- A cura di
Zane.
Archivio - Utilizzati dalla fiamme gialle noti exploit per rintracciare un diffamatore via Internet..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

indagine (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 56 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Sono molte le figure dello sport e della politica che nei mesi scorsi avevano accusato il sito australiano svanityfair.com di diffamazione: stando a quanto ora rilevato GdF, il sito era gestito da un nome di spicco del giornalismo italiano, le cui pagine però erano ospitate in Australia.

Il sito, aggiornato passando per un server proxy, garantiva all'autore un buon grado di anonimato, che consentiva, a quanto pare, di parlare più o meno male di persone e fatti di rilievo, senza di fatto poter essere rintracciato.

Utilizzando una storpiatura del nome del celebre periodico "Vanity Fair", il giornalista si era aggiudicato un buon grado di visibilità.

Le fiamme gialle hanno spiegato che per rintracciare l'anonimo diffamatore, hanno utilizzato alcuni script, i cui dettagli tecnici non sono stati divulgati, inseriti nella posta elettronica inviata ai recapiti rintracciati sul sito: una volta aperti, i controlli avrebbero segnalato all'autorità l'indirizzo IP del proprietario del sito, da cui, grazie ad un intervento Magistratura, è stato possibile risalire all'identità dell'indagato.

Si tratta con tutta probabilità di exploit per il mailer più diffuso sul mercato, per cui niente di innovativo: interessante notare comunque come questi espedienti, troppo spesso utilizzati da malware, worm e virus, possano essere utilizzati anche dalle Forze dell'Ordine.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.38 sec.
    •  | Utenti conn.: 87
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.17