Punto informatico Network

Cerca, indice, indicizza, indicizzazione

PlayStation Portable: Sony in cerca di nuovi mercati

19/08/2006
- A cura di
Archivio - Il colosso nipponico in procinto di lanciare un nuovo servizio di download di contenuti audiovisivi per il suo handheld, nella speranza di "bucare" mercati diversi da quello dei videogame..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

cerca (1) , sony (1) , playstation (1) , playstation portable (1) , portable (1) , mercati (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 198 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il lancio della PSP sul mercato delle console portatili ha segnato un punto di discontinuità nel settore, come e più di quanto fece la PS1 nella metà degli anni 90 per le home console di quinta generazione. Come la PlayStation fu fondamentale per l'evoluzione di tutto il mercato (inaugurò l'era dei 32 bit, introdusse la grafica tridimensionale a base poligonale come standard di programmazione, fu la prima console di successo ad utilizzare il CD-ROM come supporto per i giochi), così Sony vorrebbe che PSP diventasse il fulcro della convergenza dei diversi settori che oggi compongono il mercato dell'intrattenimento con una spiccata tendenza alla portabilità.

PSP è stata progettata con la vocazione ad essere un dispositivo multifunzione, piuttosto che una semplice console da gioco: sin dalla sua prima commercializzazione ha integrato funzionalità di gestione di brani audio, immagini e contenuti video. Lo stesso formato di mini disco digitale integrato nella console, l'UMD, è stato spinto da Sony come supporto ideale per la distribuzione di film da vedere "in viaggio", in grado di offrire un'ottima qualità di fruizione anche grazie al brillante display LCD utilizzato dal dispositivo.

01_-_Sony_PSP.jpg

A tutt'oggi, la console ha venduto più di 20 milioni di unità in tutto il mondo, confermando di essere un successo commerciale per Sony. Per quanto riguarda i settori specifici i videogiochi, target principale del dispositivo, costituiscono il mercato che genera gli utili maggiori. I film in UMD (resi disponibili a partire dall'Aprile 2005), a discapito di un buon inizio, si sono rivelati essere un mezzo buco nell'acqua, con le maggiori case cinematografiche che hanno abbandonato le release nel nuovo formato. Pare infatti che gli utenti preferiscano utilizzare una memory stick sufficientemente capiente per fruire dei propri contenuti video preferiti già rippati altrove (magari da una copia in DVD o da un DivX).

In tempi recenti, Sony ha annunciato di voler rendere disponibile un servizio di download di contenuti specifico, che offra agli utenti la possibilità di scaricare sulla memory stick della console brani audio e film da vedere direttamente PSP. Sfruttando le potenzialità di accesso alla rete introdotte con il firmware versione 2.00, Corporation ha intenzione di competere con iPod di Apple e il recentemente annunciato Zune, il nuovo anti-iPod di Microsoft. Per ora, pare che si stia pensando al sistema DRM ottimale con cui proteggere i contenuti, segno evidente che Sony, come d'altronde tutte le grandi corporazioni, è indifferente ai reali interessi e alle lamentele degli acquirenti, anche dopo la figuraccia e l'enorme danno di immagine ricavati dallo scandalo del Rootkit integrato nel sistema di protezione XCP utilizzato sui CD-Audio.

02_-_iPod_vs_PSP.jpgRitornando alla nuda cronaca, dopo aver risolto il problema della protezione Sony dovrà decidere in che modo rendere disponibili i contenuti ai possessori di PSP, utilizzando uno store on-line di proprietà di Sony stessa (magari con un portale simile ad iTunes Music Store di Apple) o con un servizio gestito da terzi. Insomma, Sony vorrebbe bissare (e possibilmente, superare) l'accoppiata vincente iPod+iTunes Music Store, apparentemente imbattibile per chiunque.

Da utilizzatore quotidiano della console posso tranquillamente accodarmi alle critiche già levatesi circa l'iniziativa: PSP è perfetta per giocare, offre una potenza computazionale che spesso non fa rimpiangere una PlayStation 2 ed ha un parco titoli notevole e dalla qualità media molto alta. Per quanto riguarda altri tipi di utilizzo multimediale, c'è il mio fido lettore iPod di quinta generazione dotato di hard disk da 30 Gigabyte per ascoltare tutti gli MP3 e guardare tutti i video/film che voglio e, nonostante la maggior diagonale di visione offerta dallo schermo PSP, difficilmente comprerò mai un film su UMD in vita mia. Visti anche i precedenti dei film nel suddetto formato UMD, che Sony abbia scelto ancora una volta il target sbagliato? Il mercato giudicherà quando il servizio sarà finalmente reso disponibile.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.34 sec.
    •  | Utenti conn.: 90
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.21