Punto informatico Network
20120126081428_850100776_20120126081422_1182422761_mu.jpg

Kim Dotcom colpisce ancora: lanciato ufficialmente "Mega", il nuovo servizio di condivisione file

20/01/2013
- A cura di
Internet - Il cloud storage secondo il creatore di Megaupload: 50GB di spazio gratuito per tutti, file e connessioni con crittografia avanzata e piena responsabilità degli utenti sul materiale condiviso.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

servizio (1) , dotcom (1) , condivisione file (1) , megavideo (1) , megaupload (1) , cloud (1) , storage (1) , file (1) , nuovo (1) , condivisione (1) , privacy (1) , free (1) , kim (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 11 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Ad un anno esatto dalla vicenda che ha coinvolto il suo servizio di punta, Kim Schmitz "Dotcom" torna a far parlare di sé con il preannunciato ritorno alle scene di Megaupload, stavolta con un nome nuovo, nuovi servizi ed interessanti novità riguardo alla privacy e al rispetto dei diritti d'autore

Selezione_021.png

La nuova flotta di servizi fa capo al portale Mega, raggiungibile a questo indirizzo.

Quali sono le novità impostate da Kim per prevenire un nuovo sequestro da parte delle autorità americane?

Prima di tutto, una nuova e fiammante flotta di server ultra-veloci, dislocati in ubicazioni sconosciute e in nazioni "accondiscendenti" alla condivisione (più o meno legale) di file e dati.

In secondo luogo, un maggior rispetto della privacy dell'utente, sia in fase di condivisione che di storage vero e proprio;l'immagine sottostante chiarisce le nuove impostazioni disponibili per gli utenti registrati (free e non)

Mega.jpg

Possiamo fare l'upload di qualsiasi file in forma codificata, non visibile dall'esterno (Mega garantisce che nemmeno i gestori dei server conoscono il contenuto dei file, perché il codificatore è "invisibile"), accessibile solo dagli utenti esterni mediante una chiave RSA 2048-bit, un livello di cifratura elevato.

Possiamo anche impostare il numero di connessioni in upload e download, per migliorare sensibilmente la velocità di caricamento e di scaricamento dei file.

Ogni utente ed ogni file avrà un tetto massimo di banda ad alta velocità sfruttabile mensilmente, superata questa soglia non si potrà scaricare a più di 45Kb/s.

Le segnalazioni riguardo le violazioni di copyright saranno trattate "con i guanti": l'accusatore dovrà fornire valida documentazione ed essere in possesso della chiave cifrata per dimostrare la condivisione di materiale protetto da copyright.

Ogni utente sarà il diretto responsabile di quello che carica o condivide su Mega: nessun impiegato o addetto di Mega conosce il contenuto dei file o può accedervi, nemmeno sotto mandato giudiziaro: i file sono crittati ed illegibili a chi non ha la chiave.

In caso di segnalazione positiva di violazione, la responsabilità cadrà tutta sull'utente, nessun provvedimento potrà essere preso verso Mega (almeno con la legislazione attuale presente nei vari paesi).

Mega cercherà di "monitorare" i flussi di file con maggiore traffico (anche se cifrati, quindi invisibili), rallentando la velocità di download ai file "sospetti" provenienti da account free, al solo scopo di garantire una equa redistribuzione della banda verso gli utenti in possesso di account a pagamento: nessun file può essere spiato o intercettato con l'attuale livello di cifratura; il monitoraggio servirà solo a non intasare i server.

Per contrastare il successo degli altri siti dedicati al cloud storage (primi tra tutti Dropbox e Skydrive) Mega offrirà tantissimo spazio con l'account free (ben 50 GB) e prezzi popolari per gli abbonamenti a pagamento:

  • 10 € mensili per 500 GB di spazio e 1 TB di banda sfruttabile;
  • 20 € mensili per 2 TB di spazio e 4 TB di banda sfruttabile;
  • 30 € mensili per 4 TB di spazio e 8 TB di banda sfruttabile.

Prezzi davvero concorrenziali, con velocità di punta garantite fino a 400 Megabit al secondo per ogni singolo utente (ovviamente questa velocità è influenzata anche dal carico dei server e da altri fattori della rete).

Quindi il nuovo Mega è semplicemente un servizio di Cloud Storage come qualsiasi altro? Non c'è nessuna reale novità oltre ai prezzi vantaggiosi?

Mega è solo l'inizio, come spesso cita il suo creatore anche sul sito

Selezione_022.png

In cantiere ci sono (molti progetti non sono confermati, senza alcuna fonte):

  • Apps per smartphone multi-piattaforma per la condivisione dei servizi in mobilità;
  • MegaBox, una piattaforma di condivisione di musica "famosa" in maniera gratuita e legale;
  • MegaMovie, il cinema gratuito di Mega: film famosi forniti in maniera gratuita e legale a 1080p;
  • MegaCall, il servizio rivale di Skype: chiamate e videochiamate gratuite via P2P con elevata cifratura (accesso randomico degli internodi) certificato come "inviolabile e inintercettabile", che offre anche chiamate gratuite verso i telefoni di rete fissa;
  • MegaChat, un servizio in grado di unificare oltre 100 diversi servizi di IM in un solo prodotto;
  • MegaMail, nuovo servizio di posta elettronica con email "autodistruttive" e account "mascherabili";
  • MegaPorn, la nuova frontiera dell'hot via Internet: film noti (e non) ad accesso gratuito e "senza sorprese" (virus, malware o altre trappole tipiche di questi siti).

Solo per citare alcuni dei nuovi servizi attesi o vociferati.

Al momento solo MegaMovie è stato confermato ed è in arrivo nei prossimi giorni

Megamovie.jpeg

Tutti i servizi saranno interconnessi ed accessibili via browser o via apps dedicate.

Alcuni di questi sembrano davvero in grado di surclassare la concorrenza ed imporsi come rivoluzionari: da anni manca un vero avversario di Skype o Gmail/Outlook.com, oppure un valido concorrente alle (costose) piattaforme di distribuzione digitale dei contenuti audiovisivi protetti dai diritti d'autore.

Le carte in tavola per una vera rivoluzione digitale ci sono tutte: bisogna solo sperare che duri, e che tale mole di servizi (in parte rivoluzionari) non calpesti i piedi di qualche multinazionale disposta a tutto pur di mantere l'attuale "status quo".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.33 sec.
    •  | Utenti conn.: 20
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0.13