Punto informatico Network
20110209001820_1265771510_20110209001817_1814489623_anonymous_spotlight.png

"TANGO DOWN" per altri siti italiani: ma qual è il vero obiettivo di Anonymous?

01/07/2011
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Anonymous affonda siti del calibro di camera.it e telecomitalia.it. Gli assalti sono stati coordinati via Twitter.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

attacchi (1) , anonymous (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 7 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Nuovi aggiornamenti sul fronte Anonymous: dopo l'attacco sferrato il 28 giugno all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), il 29 giugno sono stati portati a termine altri 3 assedi ai danni di camera.it, pdl.it e mediaset.it. La tecnica utilizzata è sempre il rozzo ma efficacissimo DDoS (Distributed Denial of Service).

Le micce digitali sono state accese dalle 12:15 fino alle 20:10, con pause più o meno lunghe, rendendo completamente inagibili gli obbiettivi per ore.

Tra le motivazioni della protesta troviamo sempre il cosiddetto decreto Romani, il quale conferirà ad AGCOM il potere di richiedere la rimozione di contenuti sospettati di violare la normativa sul diritto d'autore anche senza l'appoggio espresso della magistratura.

Sia sulla pagina Twitter @anonitaly che nel canale IRC, oltre ai "TANGO DOWN! ", espressione usata per indicare che l'obiettivo è stato abbattuto, campeggiano post come "Deface on [sic] progress", segnale che i cracker stanno tentando di accedere ai sistemi e sfregiare il sito in questione

News55.jpg

Nella giornata di giovedì è stato preso di mira anche telecomitalia.it, ovvero il portale di un'azienda rea di aver imposto strozzature al traffico peer-to-peer.

La varietà di bersagli fa pensare che Anonymous Italy non sia un movimento realmente coeso e che la tanto agognata "Internet FREEDOM" sia solo un pretesto per fare un po' di confusione nel mondo virtuale.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.29 sec.
    •  | Utenti conn.: 35
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 45
    •  | Tempo totale query: 0.07