20090208214453_1710935015_20090208214428_2104257492_Kaspersky.png

Sequestro a scopo di estorsione in casa Kaspersky (aggiornato)

28/04/2011
- A cura di
Zane.
Tecnologia & Attualità - Ivan Kaspersky, figlio del magnate della sicurezza, è attualmente disperso. Le voci parlano di un rapimento e di un riscatto da 3 milioni di euro. Aggiornamento: il giovane è stato liberato.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

estorsione (1) , kaspersky (1) , casa (1) , riscatto (1) , rapimento (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 14 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Stando a quanto riportato da BBC e da alcuni quotidiani russi, il figlio di Eugene Kasperky, Ivan, è stato oggetto di un sequestro di persona a scopo di estorsioneKaspersky_MegaLab.it.jpg.

La polizia sta battendo a tappeto Mosca alla ricerca del ventenne già da martedì, quando il ragazzo, secondo indiscrezioni, sarebbe stato prelevato contro la propria volontà mentre si recava sul luogo di lavoro.

Secondo le voci circolate in rete, i criminali avrebbero richiesto il pagamento di 3 milioni di euro per il rilascio di Ivan.

Yevgeniy Valentinovich Kasperskiy, meglio noto con il nome di "Eugene Kaspersky", è il magnate alle spalle della celebre software house Kaspersky Lab, attualmente il quinto produttore mondiale di antivirus.

L'azienda non ha né confermato, né smentito la veridicità della notizia, ma il numero uno del gruppo parrebbe essere rientrato in tutta fretta da Londra proprio martedì.

MegaLab.it ha contattato l'ufficio stampa della divisione italiana per un chiarimento: la posizione ufficiale del gruppo, segnalataci da Kaspersky Lab Italia, è stata divulgata tramite una nota pubblicata sul sito ufficiale. La software house ha esortato i media a non speculare o distribuire informazioni non confermate in merito alla vicenda. Eugene Kaspersky ha affermato che tale comportamento risulta dannoso per la compagnia.

Tramite una nota diffusa domenica 24 aprile, Kaspersky Lab ha confermato che un'operazione finalizzata alla liberazione di Ivan Kaspersky è stata portata a termine con successo dalle forze dell'ordine russe in collaborazione con il team di sicurezza interno all'azienda. Il giovane sta bene e si trova attualmente in un luogo sicuro. Contrariamente a quanto vociferato dalla stampa, non è stato pagato alcun riscatto ai rapitori.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.17 sec.
    •  | Utenti conn.: 63
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.06