Punto informatico Network
20101118235323_213778343_20101118235246_86658676_adobe_reader_x_spotlight.png

Adobe Reader X resiste all'assalto dei cracker

07/02/2011
- A cura di
Zane.
Sicurezza - Un ricercatore di Sophos ha testato un particolare PDF "avvelenato" con la nuova e la vecchia versione del popolare programma Adobe. I risultati sono incoraggianti, ed il consiglio chiaro: aggiornate tutti, aggiornate subito!

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

adobe (1) , adobe reader (1) , sicuro (1) , adobe reader x (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 7 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Le aspettative del pubblico legate alla versione "X" (dieci) di Adobe Reader erano indubbiamente molto alte. Grazie alla nuovissima sandbox nella quale è isolato il software, il gruppo aveva assicurato che l'applicativo sarebbe risultato più sicuro rispetto alle generazioni passate, rendendo la necessità di installare update nettamente meno frequente.

L'esperienza quotidiana sembra confermare la validità della nuova soluzione Adobe: l'ultimo maxi-allarme legato al celebre lettore di PDF riguarda la versione 9 e risale a novembre 2010.

Ora anche un test condotto da Sophos decreta la superiorità di Adobe Reader X in fatto di sicurezza: il programma è infatti riuscito ad aprire un PDF "avvelenato" senza problemi, limitandosi a visualizzare un innocuo messaggio d'errore, e prevenendo ulteriori conseguenze nefaste.

Al contrario, il documento in questione scatenava un'esecuzione di codice da remoto, finalizzata ad installare malware assortito sul PC della vittima, una volta aperto con Adobe Reader 8 (non è chiaro il perché il ricercatore abbia preferito ignorare la versione 9).

"Sembra che un aggiornamento introdotto in Adobe Reader X abbia spezzato un componente fondamentale di questa minaccia. Ben fatta, Adobe!" si legge nel post pubblicato dalla software house britannica.

Alla luce di questa conferma, Sophos esorta gli amministratori di sistema a migrare le postazioni di lavoro alla nuova versione del programma non appena possibile. Tale suggerimento può, naturalmente, essere esteso anche al pubblico consumer.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2018 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.13 sec.
    •  | Utenti conn.: 34
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0