Punto informatico Network

20081226175853_163967738_20081226175758_1495029030_sadasd.png

Dell interessata a Mac OS

26/06/2005
- A cura di
Zane.
Archivio - Un Macintosh non-Apple? A dirsi disponibile è niente di meno che il gruppo Dell. Cupertino non si pronuncia, ma la cosa appare alquanto improbabile.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

mac os (1) , mac (1) , dell (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 150 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Se la strategia di accentramento della catena di produzione e distribuzione di Apple ha fatto la fortuna del gruppo, le cose potrebbero cambiare in un prossimo futuro. Mac_tiger.gif

Michael Dell, CEO dell'omonimo colosso dell'informatica, ha annunciato infatti che il proprio gruppo sarebbe disposto ad assemblare e distribuire workstation equipaggiate con Mac OS, il sistema operativo di Apple.

Se infatti fino a pochi anni fa distribuire sistemi sprovvisti di Windows poteva avere notevoli ripercussioni sui rapporti con Redmond, da qualche tempo le cose sono cambiate e Dell, forte della propria quota di mercato, ha iniziato a distribuire anche sistemi basati su Linux: inserire quindi una nuova linea di sistemi basati su Mac OS non farebbe che potenziare e diversificare ulteriormente l'offerta di Dell. L'imminente migrazione verso processori x86 semplificherebbe inoltre i processi di integrazione, minimizzando i costi di una operazione simile.

Naturalmente la cosa è ancora ben lontana: concedendo in licenza Mac OS, Apple potrebbe tirarsi letteralmente la zappa sui piedi: oggi infatti l'unico modo per poter utilizzare Mac OS è acquistare un computer marchiato Apple, e naturalmente questa imposizione tiene alti i prezzi.

Sebbene una possibile apertura delle licenze potrebbe garantire al gruppo entrate davvero notevoli, d'altro canto questa mossa potrebbe creare un competitor scomodo: ed un concorrente come Dell, in grado di assemblare e distribuire in autonomia "Macintosh marchiati Dell" potrebbe impensierire chiunque..

Nessuna possibilità che la cosa si concretizzi quindi? Probabilmente no, ma la cosa è sicuramente interessante per sottolineare il crescente interesse del mercato verso il mondo Macintosh.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 2.04 sec.
    •  | Utenti conn.: 110
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 1.75