Punto informatico Network

IE, Internet Explorer, Internet, explorer

BBC anticipa su Internet le trasmissioni televisive

18/07/2005
- A cura di
Archivio - Dopo interactive Media Player una nuova, interessante iniziativa della televisione pubblica inglese che coinvolge Rete..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , bbc (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 92 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

La BBC inglese è la televisione pubblica europea che più investe nella sperimentazione e nell'utilizzo di vie innovative per la distribuzione dei contenuti attraverso le nuove tecnologie della rete. Un esempio recente di questa vocazione è dato da The Beethoven Experience, con cui è stata resa disponibile, per il periodo di tempo della sua diffusione su BBC Radio 3, l'intera registrazione delle recenti esecuzioni delle 9 Sinfonie di Beethoven.

01_-_The_Mighty_Boosh.jpgIl Settembre prossimo, come precedentemente riportato, vedrà l'avvio della sperimentazione della rete di Peer to peer di interactive Media Player (iMP) per la distribuzione della programmazione televisiva. Nei giorni scorsi, tale iniziativa ha generato polemiche e reazioni dei parlamentari britannici per la possibilità che la diffusione on-line gratuita danneggi eccessivamente gli introiti della compagnia.

Incurante delle polemiche e della ritrosia tecnofobica di alcuni, si apprende ora che BBC è intenzionata ad usare il suo sito Internet per la promozione di una serie televisiva ancora inedita.

A partire dal 19 Luglio, infatti, verrà trasmesso in rete un episodio del telefilm "The Mighty Boosh", anticipando di una settimana la messa in onda in televisione. Una volta trasmessi, gli episodi rimarranno disponibili on-line, e l'iniziativa si protrarrà per tutta la durata della serie. Pare addirittura che l'azienda stia pensando di sfruttare lo stesso meccanismo di distribuzione anticipata per promuovere anche altre trasmissioni.

Parlando di innovazioni, è interessante riportare come anche sul fronte del digitale via satellite gli Inglesi siano all'avanguardia: le prime serate domenicali offriranno ai telespettatori del canale BBC 3 la possibilità di scegliere, in alternativa alla trasmissione in quel momento in onda, tra una delle tre serie di maggior successo trasmesse dal canale. Il servizio sarà disponibile solo in Inghilterra.

01_-_P2P.gifDopo il download di film e programmi, il trend che oggigiorno va per la maggiore sulle reti del digital sharing è la condivisione di spettacoli televisivi, serial, telefilm, e tutto quanto viene diffuso dal mezzo di comunicazione per antonomasia del secolo appena trascorso.

Secondo stime recenti, il Regno Unito è il primo paese al mondo per il downlaod di spettacoli televisivi, e i produttori naturalmente temono di finire in bancarotta per questa spiccata propensione dei propri concittadini alla pirateria e allo scrocco.

La British Broadcasting Corporation, l'emittente televisiva pubblica inglese, ha da qualche tempo deciso di correre ai ripari prima che sia troppo tardi, sviluppando una propria applicazione di Peer to Peer attraverso cui distribuire una selezione della programmazione.

L'applicazione si chiama "interactive Media Player (iMP)", i contenuti naturalmente protetti con restrizioni DRM, e il servizio ha avuto una prima fase di sperimentazione nell'estate del 2004 pensata soprattutto per testare l'efficacia delle protezioni sui contenuti. Le restrizioni includono l'autodistruzione dei file dopo sette giorni dal download, limitazioni della copia individuale e della distribuzione e l'invio via posta elettronica. Inoltre nel servizio è stata integrata la tecnologia GEO-IP, utile a restringere l'uso di iMP ai soli utenti dell'isola.

02_-_BBC_iMP.jpg

Soddisfatta dei risultati, la compagnia si appresta ad allargare la sperimentazione a 5000 cittadini britannici, mentre i primi test effettivi della distribuzione dovrebbero cominciare a Settembre e durare fino a Dicembre 2005.

I costi del servizio sono a tutt'oggi sconosciuti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.35 sec.
    •  | Utenti conn.: 77
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.19