Punto informatico Network

Box, scatola, cilindro, headless, server, cubo

Una scatola nera per Windows Longhorn

04/05/2005
- A cura di
Archivio - Nuove affermazioni di Gates sulle funzionalità avanzate di gestione degli errori che ci riserva il futuro del Sistema Operativo più buggato della storia dell'informatica..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , longhorn (1) , windows longhorn (1) , scatola nera (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 156 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Secondo quanto affermato da Bill Gates durante il Windows Hardware Engineering Conference tenutosi a Seattle di recente, il Windows successore della generazione XP, attualmente chiamato in codice Longhorn, dovrebbe avere un sistema avanzato di registrazione e report degli eventi attivi sul sistema al momento di un crash.

Http://www.indexel.net/images/pictoarticle/logo_longhorn.jpgIl tutto si baserebbe sul sistema di segnalazione di errori Watson, già in servizio su XP, ma in questo caso le informazioni che sarebbe in grado di raccogliere e inviare al servizio di supporto supererebbe largamente le sue attuali capacità, arrivando a registrare non solo tutti i programmi e i processi attivi, ma anche il contenuto dei documenti su cui si stava lavorando al momento dell'errore. "Pensate a una specie di scatola nera: non appena compare un problema, questa ci permette di capire cosa sta accadendo", ha dichiarato Gates.

Per quanto riguarda la privacy dell'utente, che in questo specifico caso andrebbe bellamente a farsi benedire, da Redmond ci tengono a sottolineare come, in ambito consumer, il sistema sarà largamente customizzabile, e ci sarà piena facoltà di scelta dell'utente su quale tipo e quali dati inviare Compagnia.

In ambito professionale, essendo il livello di profondità dei report già oggi stabilito dai responsabili della sicurezza delle infrastrutture IT, il maggior livello di accuratezza delle segnalazioni dovrebbe garantire un supporto migliore, più efficiente e veloce nella risoluzione dei problemi che col tempo si presenteranno, come è tradizione consolidata di ogni Windows che si rispetti...

Http://blog.macich.net/data/longhorn_01.gifSecondo quanto affermato da Redmond, l'iniziativa mira a migliorare il supporto tecnico ai clienti, ad abbattere i tempi per la realizzazione di patch e aggiornamenti e per minimizzare i rischi alla sicurezza dei sistemi, ma chi crede che la privacy sia un valore importante da considerare nella progettazione delle funzionalità di un componente critico come un sistema operativo, aspetta al varco la nuova tecnologia, ben conscio, Trusted Computing docet, che l'utente corre sempre più il rischio di essere visto come uno sprovveduto incapace o un pericoloso pirata, da controllare o sanzionare, più che da ascoltare e supportare...

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 84
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.05