Punto informatico Network

20081202095453_969424078_20081202095403_215124443_ASUS_Eee_White_Alt.jpg

Asus chiude la porta in faccia a GNU/Linux per i prossimi netbook

01/06/2009
- A cura di
Linux & Open Source - Il colosso taiwanese ha deciso che i prossimi Eee PC non verranno più dotati di distribuzioni GNU/Linux. A soppiantarle definitivamente sarà l'attempato (ma arzillo) Windows XP.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

chiude (1) , linux (1) , porta (1) , asus (1) , netbook (1) , gnu/linux (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 142 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Duro colpo per la comunità Linux, che vede passarsi davanti l'opportunità di guadagnare una posizione di rilievo nel mercato dei netbook. Asus, dopo aver concesso l'opportunità al Pinguino di dimostrare le proprie potenzialità, ha deciso di non proseguire oltre.

L'azienda Taiwanese, infatti, ha deciso che i prossimi netbook da lei prodotti arriveranno con Windows XP preinstallato anziché la distribuzione GNU/Linux Xandros, che ha accompagnato i primi Eee PC arrivati sul mercato.

Di per sé la decisione dei dirigenti Asus sembra comprensibile, vista l'esigua familiarità dell'utenza consumer con GNU/Linux che può aver portato a un numero di vendite molto ridotto: secondo la dirigenza stessa, solo il 5% degli acquirenti di Eee PC ha preferito la strada dell'open source.

Secondo quanto rilevato dal gruppo, la maggioranza degli acquirenti si portava a casa un Eee PC solamente per regalarlo ai propri bambini: non proprio il target a cui Asus mirava per questo prodotto.

La cosa che più fa scalpore è che, non contenta, Asus si è messa a rigirare il coltello nella piaga, avviando una campagna per promuovere Windows nei suoi prodotti: It's better with Windows, ossia È meglio con Windows, illustra i molti pregi che il sistema operativo Microsoft avrebbe rispetto a Linux.

Come prevedibile, in Rete è già scattata la polemica dei sostenitori del software libero. Critiche a volte abbastanza fondate, tra le quali figurano la scarsa fiducia che il colosso avrebbe riposto in Linux, portandolo sul mercato rappresentato da una distribuzione che limitava la personalizzazione e l'utilizzo del sistema, e che poteva benissimo essere rimpiazzata da altre più famose come Ubuntu, openSuse o Mandriva che godono di più esperienza e popolarità.

Personalmente, mi sembra una notizia piuttosto controcorrente se leggo di altri colossi come Intel e Dell che vedono in Linux il futuro nei netbook, e credo che Asus abbia voluto accontentare tutti i suoi clienti rimasti sfiduciati per una serie di ragioni, dopo aver provato un Eee PC con il pinguino.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.35 sec.
    •  | Utenti conn.: 92
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.23