Punto informatico Network

20080829222732

Lo spam sale, e le botnet lavorano a pieno ritmo

30/05/2009
- A cura di
Sicurezza - Lo spam è oltre il 90% del totale, e la maggior parte sembra provenire da botnet statunitensi. Nuove rilevazioni anche sul fronte malware: siti famosi e, in particolare, social network sono gli illustri untori.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

sicurezza (1) , spam (1) , botnet (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 144 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Non c'è più niente da fare: con lo spam dobbiamo fare i conti ogni giorno, ogni volta che scarichiamo la posta.

Secondo il report mensile di Symantec, in Maggio lo spam ha subìto un incremento del 5% rispetto ad Aprile, raggiungendo così il 90,4% del traffico totale di posta elettronica.

Quasi il 60% della posta indesiderata proviene da botnet conosciute. Una in particolare, DonBot, eroga il 18% dello spam totale, mentre la maggioranza del rimanente proviene da più piccole e non classificate reti di zombie.

Sembra che la maggior parte del lavoro automatizzato venga svolto negli Stati Uniti nei giorni lavorativi. Nella Domenica, si registra invece un forte calo di traffico in tutte le regioni.

Al contrario di quanto si possa pensare, la maggior parte di software nocivi provenienti dalla rete si nasconde in siti piuttosto famosi, ed in maniera particolare nei social network.

Il report evidenzia inoltre come lo spam basato su immagini stia ritornando. Non è ben chiaro per quale ragione gli spammer abbiano deciso di far risorgere questa tecnica, ma in Aprile lo spam distribuito in questo modo ha toccato il 22%.

C'è da dire che ci sono diversi discordanze tra la precisa percentuale di spam. Secondo Microsoft, essa sarebbe pari al 97%. Purtroppo l'incremento di worm il cui scopo è creare enormi reti di PC-zombie non porterà di certo a un decremento dello spam, ma tenderà al contrario ad aumentare.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.27 sec.
    •  | Utenti conn.: 157
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.13