Punto informatico Network

20080829205653

Super multa al re dello spam

10/06/2006
- A cura di
Archivio - Ryan Pitylak, re dello spam capace di inviare fino a 25 milioni di e-mail indesiderate al giorno, è stato punito. Dovrà pagare una multa di 10 milioni di dollari.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

spam (1) , multa (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 132 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il 24enne Ryan Pitylak, laureatosi di recente all'Università del Texas, è stato condannato a pagare una multa più che salata: 10 milioni di dollari. MAILBOX ICONS US MAILBOX.png

Capo di imputazione: spamming. Ma intendiamoci, non stiamo parlando di qualche e-mail indesiderata spedita qua e là... Il giovane, infatti, aveva dato vita ad una vera e propria organizzazione malavitosa, specializzata in "pubblicità indesiderata".

Pitylak, aiutato da tre complici] e servendosi di ben 250 diverse identità, ha mandato ogni giorno, per anni, milioni e milioni di e-mail pubblicitarie alle sue vittime, continuamente scocciate e minate nella loro privacy. King Spam, questo il calzante nomignolo che gli è stato affibbiato, ha ammesso di aver mandato fino a 25 milioni di e-mail al giorno: una cifra a dir poco folle!

Il disegno criminoso del re dello spam, tuttavia, era ben più ampio: se gli restava tempo, rivendeva ad altre società gli indirizzi di posta elettronica rubati dei computer colpiti. Inutile dire che i suoi contatti ammontassero a quantità inimmaginabili.

Fa sorridere il fatto che il giovane, per scampare alla condanna, avesse dichiarato di voler fondare una ditta per la sicurezza su Internet... una ditta anti-spamming, insomma! Ma la corte federale del Texas non ha avuto ripensamenti e ha inflitto la pena.

Pitylak ha reso noto che venderà la sua casa e la sua BMW per pagare almeno una (piccola) parte della multa.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.28 sec.
    •  | Utenti conn.: 94
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.16