Punto informatico Network

20080917004203_2137490269_20080917004117_2068366606_Chrome.png

Google si lancia nello sviluppo di un sistema operativo: Chrome OS

10/07/2009
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Google approda nel mondo dei sistemi operativi e lo fa con Chrome OS. Un sistema leggero e veloce basato sul kernel Linux e studiato per le web-application. Arriverà alla fine del 2009, installato in alcuni netbook nella seconda metà del 2010.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

sviluppo (1) , google (1) , chrome (1) , sistema (1) , sistema operativo (1) , chrome os (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 124 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

A Google non bastano più le web-application che moltissimi utenti utilizzano quotidianamente e che di recente si sono liberate della dicitura beta che le seguiva da diverso tempo. No, desidera addirittura un intero sistema operativo per utilizzarle al meglio.

L'annuncio è arrivato qualche giorno fa dal blog ufficiale di Google. Il gigante di Mountain View sta preparando Chrome OS, un sistema operativo basato sul kernel Linux.

Inizialmente destinato ai netbook, sarà comunque disponibile gratuitamente per tutte le architetture x86 e ARM in quanto Chrome OS verrà rilasciato sotto licenza open source.

Ciò che Google desidera ottenere è un sistema veloce, semplice e sicuro. Premere il tasto accensione della propria macchina e attendere giusto qualche secondo prima di poter iniziare a navigare su Internet e utilizzare tutte le web-application che Google metterà a disposizione.

A Mountain View hanno trovato la miscela giusta per ottenere tutto questo. A cominciare da una solida base costituita dal kernel Linux, che garantisce stabilità, sicurezza da malware e un supporto hardware molto vasto.

Tutto il resto è Chrome, il noto browser basato sul motore di rendering open source Webkit che Google ha rilasciato pubblicamente negli ultimi mesi del 2008.

L'annuncio di Google non parla dei dettagli implementativi. Possiamo ipotizzare uno scenario differente rispetto al Chrome che vedete tutti i giorni in una finestra del vostro abituale sistema operativo.

Una delle possibilità è un browser a tutto schermo, senza menu o schede, che carica una pagina web in grado di simulare la consueta scrivania, con tanto di icone. Quando si clicca su una di queste, si apre una finestra, disegnata utilizzando HTML e CSS, e gestita da codice Javascript, che carica la web-application corrispondente.

A Mountain View ci tengono molto a sottolineare quanto Chrome OS sia un progetto separato da Android, la piattaforma open source pensata per i dispositivi mobili. A differenza di quest'ultimo, il nuovo sistema operativo di Google potrà funzionare sia sui netbook che sui normali PC desktop ed è progettato per coloro che passano molto tempo su Internet.

Molti nella comunità Linux si chiedono perché preferire Chrome OS alle migliaia di distribuzioni già esistenti. Conosciamo pochissimo di questo nuovo sistema operativo, ma un motivo potrebbe essere l'immediatezza con cui sarà possibile navigare, senza attendere i tempi di caricamento di un sistema tradizionale; una caratteristica che gli amanti del web apprezzeranno sicuramente.

Oltretutto sono poche le distribuzioni GNU/Linux adatte anche a chi non ha dimestichezza con il pinguino, e Chrome OS si propone come valida alternativa a questo gruppo elitario.

Chrome OS sarà disponibile per il download alla fine del 2009, e sarà possibile ottenere anche il codice sorgente dell'intero sistema operativo.

Google fa sapere anche che sta prendendo accordi con diversi produttori, tra cui ASUS, HP, Acer, Lenovo e Toshiba, come si legge in queste FAQ, per rendere disponibili netbook con Chrome OS preinstallato già dalla metà del 2010. Non ci resta dunque che attendere ulteriori informazioni da Mountain View.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.49 sec.
    •  | Utenti conn.: 103
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.24