Punto informatico Network

20090118155204_1640640867_20090118155143_1412373569_logo.gif

DivX 7 abbraccia H.264 ed alta definizione

20/01/2009
- A cura di
Zane.
Audio Video Multimedia - Il celeberrimo codec multimediale si rinnova. Nuovo algoritmo di compressione video e supporto per l'HD.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

divx (1) , alta definizione (1) , h.264 (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 214 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

DivX Incorporated, azienda che sviluppa l'omonimo codec, ha reso disponibile da qualche giorno la nuova versione del celeberrimo compressore multimediale.

Numerose le novità presentate dal prodotto.

Innanzitutto, è stato aggiornato l'algoritmo di compressione alla base del codec video: si lascia il precedente sistema, basato su MPEG-4 ASP, per passare al più efficiente H.264 (lo stesso utilizzato nei dischi Blu-ray).

DivX 7 abbraccia completamente anche un nuovo container: abbandonati il formato .divx ed il classico .avi, il compressore multimediale sposa il contenitore Matroska (.mkv), ad oggi una delle "scatole" più efficienti e versatili per distribuire audio, video suddiviso in capitoli, sottotitoli ed immagini all'interno dello stesso file.

Il prodotto introduce infine il pieno supporto all'audio in formato AAC.

DivX 7 propone però anche una novità non troppo gradevole sul piano commerciale. Sebbene, come da tradizione, siano ancora disponibili due edizioni del prodotto, solamente DivX Pro (19.99$) consente di comprimere i propri file. L'edizione gratuita permette di codificare filmati in DivX solamente per 15 giorni dalla data di installazione: di lì in avanti, sarà utilizzabile solo per la decodifica.

L'opinione

È interessante rileggere la guida dedicata al DVD-rip ad alta qualità e notare come DivX 7 abbia ripreso esattamente punto per punto tutte le tecnologie più moderne: H.264 per il video, AAC per l'audio e Matroska come container.

Il prodotto ha tutte le carte in regola quindi per tornare al top delle comparative. L'unico punto in sospeso rimane quello relativo ai costi: riuscirà la sola forza del marchio "DivX" a convincere gli utilizzatori a pagare per ottenere un prodotto in grado di fornire risultati di qualità paragonabile a quelli ottenibili utilizzando strumenti open source?

La risposta è "probabilmente si", limitatatmente però al pubblico di professionisti del settore, particolarmente attenti a problemi quali "compatibilità" e "supporto". Per quanto riguarda il segmento hobbistico invece, dal canto mio sono pronto a scommettere sul successo delle analoghe soluzioni gratuite.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.16 sec.
    •  | Utenti conn.: 152
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.04