Punto informatico Network

20090114195026_1421591580_20090114194959_1522969322_spotlight.jpg

Gli impediscono di videogiocare e lui li uccide

15/01/2009
- A cura di
Videogiochi - Master Chief può uccidere per davvero. La passione per Halo ha armato la mano di un giovane americano.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

uccide (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 139 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Se per alcuni è semplice routine passare gran parte della giornata davanti ad un computer, "costretti" a lavorare sperando che qualcosa li porti via dallo schermo, magari una vincita milionaria, c'è chi uccide i genitori perché, al contrario, obbligato a non giocare con la propria console.

Un caso molto famoso fu quello enfatizzato come "Xbox Murders" quando in Florida, nel 2004, quattro giovani ragazzi vennero massacrati da un loro ex-inquilino che voleva solo riprendersi la sua Xbox.

Fatto più recente, avvenuto nell'Ottobre 2007, riguarda un giovane sedicenne, Daniel Petric, che, un giorno, prese la pistola di papà e sparò ad entrambi i suoi genitori, ferendo gravemente il padre ed uccidendo la madre, per poi scappare portandosi appresso il suo videogioco preferito, Halo 3.

La sua furia scaturì proprio quando i suoi parenti gli imposero di ridurre il tempo che impiegava giocando a quel videogame, tanto che si crede che stesse pianificando l'atto ormai da settimane! Comunque, la sentenza arriverà a breve e il giudice terrà conto dell'instabilità mentale del ragazzo dopo aver inteso che "Il giovane probabilmente non si rendeva conto che uccidendo i suoi genitori essi sarebbero rimasti morti per sempre".

Il padre, sopravvissuto, è accorso in tribunale a difesa del figlio, ma la pena potrebbe risultare molto pesante; si parla infatti di un probabile ergastolo o, comunque, di un periodo di carcere molto lungo.

Microsoft ha ritenuto opportuno rilasciare un pubblico commento sulla vicenda, limitandosi a dire che si rende conto della situazione e che si tratta di un raro caso tragico.

Che l'epidemia di violenza sia destinata a crescere? Si spera proprio di no...

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.27 sec.
    •  | Utenti conn.: 88
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.11