Punto informatico Network

Canali
20080829220005

Google Talk

29/08/2005
- A cura di
Internet - Anche Google si butta nella mischia, e sforna la propria soluzione di messaggistica istantanea. Un programma leggero ed interessante, che però manca ancora di molte, forse troppe funzionalità di contorno.

Download

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , google talk (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 286 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Tornando indietro con la memoria alla fine degli anni 90, la scelta per l'instant messaging (una creatura all'ora quasi sconosciuta riservata ai pochi smanettoni appassionati!) era una, ed una sola: ICQ. Prendere o lasciare.

Con il trascorrere del tempo, varie soluzioni alternative si sono affacciate sul mercato: da Yahoo ad AIM, passando per l'italianissimo C6 fino a Windows Messenger (integrato anche in Windows XP, segno della crescente popolarità del fenomeno) per approdare a MSN Messenger, che dopo una fase di avvio relativamente lenta si è di fatto imposto come il punto di riferimento per il settore.

Negli ultimi anni però la messaggistica istantanea si è evoluta moltissimo, e la diffusione della banda larga ha fatto nascere una nuova esigenza: non più solo pseudo-SMS testuali, ma anche chat vocale: il fenomeno Skype (che in molte realtà ha tagliato drasticamente le spese del telefono stesso..) dall'alto dei sue tre milioni di utenti è la dimostrazione del successo della "Voce via Internet".

Nel settore si butta ora anche Google, con un anticipato ed attesissimo Google Talk: uno strumento su cui sono circolate indiscrezioni per mesi, facendo crescere le aspettative e la curiosità fra i fan della "grande G".

Il download

Il programma è disponibile da pochi giorni su http://www.google.it/talk/ in un'unica versione in lingua inglese (una traduzione non ufficiale è comunque già disponibile sul sito dell'amico Gianni Amato) di soli 900KB: si tratta di un peso davvero contenuto (soprattutto rispetto ai quasi 8MB di Skype..) che rendono il trasferimento agevole anche con un tradizionale modem analogico.

Installazione

Il setup è quasi istantaneo e totalmente automatizzato: sicuramente si tratta di una soluzione interessante per avvicinare il grande pubblico, che però lascia un po' disorientati i più esigenti: non è infatti possibile modificare il percorso di default (C: ProgrammiGoogleGoogle Talk), o impostare alcuni settaggi più avanzati già da qui.

Al lavoro!

Al primo avvio il programma si mostra davvero essenziale: dopo aver effettuato login con le credenziali del proprio account Gmail (indispensabile per poter utilizzare il programma), la lista dei contatti viene immediatamente popolata con gli indirizzi utilizzati di recente dal sistema di web mail di Google: è quindi possibile invitare gli amici che ne fossero sprovvisti a scaricare il programmino, e regalare contestualmente un invito a Gmail in caso non disponessero già di un account.

Main_screen.gif

Purtroppo al momento ogni utente che voglia utilizzare Google Talk deve possedere una casella Gmail: questo potrebbe essere un freno alla diffusione del programma, e soprattutto una difficoltà in più per i neofiti.

My.gif

I messaggi

I messaggi vengono notificati tramite un popup a scomparsa nella tray bar, e quindi mostrati in una spartana finestra stile chat: mancano la possibilità di personalizzare lo sfondo, inserire smiley e faccine colorate e tante altre piccole funzioni di contorno.

Msg.gif

Assente anche qualsiasi funzione per il logging dei messaggi, utile per archiviare le discussioni più importanti, o il supporto alla chat con più partecipanti: è si possibile chattare con più amici in finestre distinte, ma non è possibile creare delle sessioni a più partecipanti.

Chat_Windows.gif

La messaggistica è quindi "nuda e cruda", senza fronzoli o qualsiasi funzionalità aggiuntiva: sebbene meno funzionalità mantengano leggero e semplice il programma, ci saremmo aspettati qualcosina di più per un programma che voglia competere alla pari con MSN Messenger o Skype.

Gli stati

Molto interessante il sistema degli stati, che permette di mostrare anche un piccolo messaggio associato alle icone di disponibile/occupato/assente. Il programma ricorda inoltre i messaggi inseriti, permettendo di richiamare le varie impostazioni con un solo click.

Status_messages.gif

La conversazione audio

La sessione audio è di ottima qualità, sicuramente paragonabile a quella offerta da Skype, ma è di nuovo afflitta da una pesante limitazione: le conversazioni sono infatti limitate a due partecipanti.

Ringing.gif

Integrazione con Gmail

Il programma è altamente integrato con il servizio di webmail offerto da Google: è infatti possibile utilizzare il programma per controllare in automatico la posta o spedire una e-mail ai contatti off-line.

Possibilità di personalizzazione

Come già tutto il programma, anche le opzioni messe a disposizione dalla schermata "settings" sono davvero essenziali: si parte da qualche settaggio relativo all'avvio del programma, passando per la lista dei contatti bloccati fino ad arrivare alle impostazioni per un eventuali proxy server, ma nulla più.

Ancora una volta mancano le impostazioni avanzate, quali la possibilità di settare il nome e l'avatar da utilizzare in chat, un timer di inattività per lo stato "away", la personalizzazione dei suoni e via dicendo.

Impressioni generali

C'era grande attesa per questo Google Talk: per una volta però Google non ha tenuto fede del tutto alle aspettative.

Questo programma si rivela una interessante base di partenza (non per niente è ancora etichettato come beta) ma allo stato attuale non può proprio reggere il confronto con le tante opzioni di MSN Messenger o con le conversazioni vocali a più partecipanti di Skype. La necessità di un account Gmail inoltre ne rallenterà moltissimo la diffusione, soprattutto fra gli utenti meno smaliziati.

L'impressione al momento quindi è solo parzialmente positiva: il programma è semplice, leggero e stabile, ma manca ancora di tutto un bagaglio di funzionalità aggiuntive che non possono mancare in un programma di IM moderno.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.48 sec.
    •  | Utenti conn.: 114
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 23
    •  | Tempo totale query: 0.35