Punto informatico Network
Canali
20080829211354

Robin Hood - La leggenda di Sherwood

16/09/2003
- A cura di
Videogiochi - Una grande storia per uno strategico/combattimento di tutto rispetto.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

robin hood (1) , sherwood (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 279 voti

In missione

Uno dei punti fondamentali sui quali si basa un buon gioco di strategia, è l'intelligenza artificiale dei nemici, questo titolo, a mio parere, ne esce con una semplice sufficienza, in quanto, in molte situazioni, il comportamento dei soldati nemici è veramente ridicolo.

Mi è capitato di colpire con una freccia un soldato, il quale cadendo ha fatto rumore e richiamato l'attenzione di un'altra guardia, la quale, dopo aver guardato il compagno a terra con una freccia nella schiena, si è rigirata come se niente fosse! A parte questo però, normalmente, i nemici sono piuttosto svegli, e se vengono insospettiti da qualcosa, hanno delle reazioni abbastanza realistiche.

Quelli Speelbound hanno deciso di rendere l'approccio alle missioni il più d'azione possibile, infatti, difficilmente la tattica più redditizia è quella di rimanere "invisibili" per tutta la missione, ma è preferibile, in molti casi, affrontare i nemici faccia a faccia in un combattimento.

E proprio nel combattimento è presente un'altra bella novità... Siccome le armi da fuoco non erano ancora state inventate, i combattimenti sono tutti all'arma bianca; spade, bastoni, forconi, scuri e mazze chiodate saranno i "giudici" delle divergenze tra voi e i vostri nemici. Ma veniamo alla novità preannunciata: durante un combattimento, potrete interagire con il vostro personaggio impartendo ordini sul tipo di attacco da sferrare all'avversario, tramite la pressione di un tasto del mouse e il movimento dello stesso, potrete far attaccare il vostro eroe da diverse direzioni o fargli eseguire dei "numeri" con pessime conseguenze sulla salute dei vostri avversari.

Combatti.jpg

Nonostante la possibilità di impostare il livello di difficoltà, le missioni risultano abbastanza semplici da portare a termine; a parte questo però, la longevità di questo prodotto è garantita dall'alto numero di missioni da affrontare (40), dalla varietà degli obbiettivi e, come detto, dalla possibilità di affrontare le missioni con personaggi differenti ogni volta.

Terminata la missione, tornerete come detto nella foresta, dove, se vi sarete comportati con onore, troverete ad aspettarvi nuovi compagni pronti ad aiutarvi. Già dopo poche missioni, la compagnia diventerà abbastanza numerosa, permettendovi di utilizzare un turn-over (passatemi il termine sportivo) tra tutti i vostri eroi, evitando di far scendere in campo (consentitemi il termine politico: -D) i più malandati.

Oltre alle caratteristiche che vi ho presentato finora, sono presenti durante tutto il gioco una serie di novità molto interessanti che però non vi voglio svelare... "a voi il mouse" e buon divertimento!

Gruppone.jpg

Requisiti di sistema:

SO: Windows 98/ME/2000/XP

CPU: Intel Pentium II 233 MHz o superiore

RAM: 64 MB

CD/DVD-ROM: velocità 4x

Spazio su disco fisso: 1GB

Scheda Video: 4 MB RAM e compatibile con DirectX

Scheda Audio: compatibile con DirectX

Raccomandati:

CPU: Pentium III 500 MHz o superiore

RAM: 128 MB

Anche qui, come da tradizione Speelbound i requisiti sono veritieri fino ad un certo punto; non ho provato il gioco su un PII 233, ma, essendo questi gli stessi requisiti necessari a far girare Desperados, ed avendo avuto problemi a giocarlo su un PII 400, ho dei dubbi che ci si possa giocare con poco più della metà di frequenza di clock. Nonostante questo, si deve fare un plauso ai programmatori della casa tedesca perché, nonostante i miglioramenti apportati allo scheletro del gioco, i requisiti di sistema richiesti, sono rimasti invariati, e, sulla stessa macchina, si gioca meglio "Robin Hood" rispetto al suo predecessore ambientato nel west.

Torneo-di-tiro.jpg

Giudizio: "La leggenda di Sherwood" è un buon titolo sotto tutti gli aspetti, non eccelle a livello grafico, ma, da un gioco strategico, non è questo che ci si deve aspettare. Per essere un gioco strategico, il combattimento è una componente molto importante, e, in alcuni casi, è addirittura predominante alla tattica "stealth"; questo caratteristica fa si che anche i neofiti del genere o chi ha trovato troppo difficili e frustranti titoli come "Commandos", possa avvicinarsi a questo gioco sicuro di non trovarsi mai di fronte a scogli insormontabili; d'altra parte però, questa scelta degli sviluppatori lascerà un po' insoddisfatti i puristi del genere.

Pro: Buon mix tra strategia e azione, ambientazione originale, buona longevità, requisiti di sistema contenuti

Contro: Missioni lunghe ma semplici, troppi combattimenti per essere uno strategico

Alternative: Il suo predecessore Desperados e, per i "puristi" del genere il mitico Commandos, la sua espansione e lo stupendo Commandos 2.

Link utili

Sito ufficiale del gioco

Sviluppatore

Distributore

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!
Pagina precedente
Robin Hood - La leggenda di Sherwood

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2020 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.4 sec.
    •  | Utenti conn.: 70
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 43
    •  | Tempo totale query: 0.12