Punto informatico Network

Sicurezza, scudo, ok, sicuro

Le attuali misure di sicurezza? Sono denaro completamente sprecato

27/05/2008
- A cura di
Zane.
Archivio - A pensarla così il numero uno della sicurezza Cisco. "Componenti di un approccio multilivello", replicano i produttori.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

sicurezza (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 169 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

È un giudizio pesantissimo quello espresso da John Stewart, Chief Security Officer per Cisco Systems. Ladro.jpg

"Se procedure di aggiornamento e software antivirus sono le risorse sulle quali spendo i miei soldi, ma ciò nonostante divengo comunque infetto e devo ancora ripulire i sistemi, ricaricare tutto, recuperare i dati e ancora reinstallare, il computo totale dell'equazione è in perdita.".

Lapidario il giudizio conclusivo: "È denaro completamente sprecato.".

L'esperto mette poi in guardia verso la nuova tendenza: "Ci sono troppe aziende nel mondo che stanno iniziando a credere che divenire infetti sia uno dei prezzi da pagare per fare business. E si stanno abituando a convivere con il problema, piuttosto che tentare di risolverlo. Questo è molto pericoloso.".

Alla platea dell'AusCERT 2008, l'esperto ha sottolineato inoltre l'importanza di muovere le politiche di sicurezza verso l'utilizzo di whitelist di poche applicazioni consentite, piuttosto che continuare a basarsi sul modello in cui tutto è consentito, tranne quanto elencato in una blacklist.

Gavin Struthers, responsabile McAfee per l'Australia, e Chris Thomas di Computer Associates hanno parlato in nome dell'industria di prodotti antivirali: "Antivirus e patch non sono in grado da soli di arrestare la minaccia proveniente da attacchi sofisticati come quelli di oggi, ma non sono d'accordo che sia uno spreco di denaro: sono solo componenti di un approccio multilivello più articolato.".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.29 sec.
    •  | Utenti conn.: 126
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.14