Punto informatico Network

20081215100037_247789939_20081215095755_1514700831_BitTorrent.png

P2P, il traffico BitTorrent cresce del 25%

23/04/2008
- A cura di
Archivio - Le major sono alla caccia costante dei principali portali di scambio su rete BT, ma il risultato è diametralmente opposto alle intenzioni: il file sharing aumenta in misura sostenuta.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

p2p (1) , bittorrent (1) , traffico (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 271 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Sono numeri consistenti quelli che arrivano da BigChampagne, la società di ricerca specializzata nell'analisi dei trend interni al fenomeno del peer-to-peer. Le ultime stime disponibili parlano di un incremento notevole nello scambio di contenuti sul network di BitTorrent, nell'ordine del 25% dal novembre scorso. Crescono i download e cresce anche la pubblicità indiretta che l'industria dell'intrattenimento fornisce gratis ai portali BT presi di mira nell'ambito della sua crociata legale contro il P2P.

Casi come quello oramai notorio - divenuto tale ben prima di approdare in un qualsiasi tribunale - della persecuzione contro The Pirate Bay, che se dal punto di vista giudiziario appare tutto fuorché già deciso di certo fa conoscere le qualità del downloading via BitTorrent a chi magari non ne aveva sentito parlare, o ne era rimasto lontano preferendovi network più rodati come quelli di eMule/eDonkey e Gnutella.

Thats_a_wave!.jpg

"C'è molta scelta e interesse nei client torrent" ha dichiarato il CEO di BigChampagne Eric Garland commentando le stime della sua società. I download hanno avuto un picco di 12,5 milioni di utenti - concentrati nella condivisione dei 200 file più popolari - a dicembre, giusto in tempo per le vacanze natalizie. All'inizio di gennaio c'è stato un calo fisiologico a 8,2 milioni, cifra rimasta costante sino a questo marzo e comunque di molto superiore ai 6,6 milioni di condivisori di media registrati nel periodo pre-natalizio.

"Non solo c'è stato il picco, ma è aumentata anche la barra" media dei download, dice Garland. Il traffico cresce, il bacino di utenti aumenta e con esso si evolve anche il tipo di contenuti disponibili sul network. Gli show televisivi sono tra i torrent attualmente più richiesti, grazie alla possibilità unica di tirare giù intere stagioni con un singolo download: "Clicca una volta per ottenere 13 ore di programmazione piuttosto che cliccare 13 volte" commenta Garland a riguardo.

Le stime di BigChampage confermano dunque quanto già rivelato dal succitato The Pirate Bay, che dall'alto dei suoi 10 e passa milioni di utenti non può che ribadire l'ottimo stato di salute della condivisione dei contenuti digitali in rete. Con buona pace di chi ancora parla di illegalità e "pirateria" per un fenomeno dalle dimensioni oramai incontenibili, e un sentito "grazie! " a chi fa causa ai portali e ai network spargendo, suo malgrado, la buona novella del P2P fra gli utenti.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.4 sec.
    •  | Utenti conn.: 109
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.24