Punto informatico Network

20080829223045

Microsoft ascolta la petizione per far vivere XP

19/02/2008
- A cura di
Archivio - Ma sostiene che le aspettative di vendita di Windows Vista sono pienamente rispettate dal mercato. Intanto le firme arrivano a quota 90.000, aumentano le analisi che sostengono l'utilità dell'estensione della disponibilità di XP e il supporto dei produttori a quanti volessero fare il downgrade da Vista a XP su sistemi appena acquistati.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

microsoft (1) , xp (1) , petizione (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 202 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Ha fatto rumore l'iniziativa di InfoWorld, la petizione Save Windows XP che ha lo scopo di convincere, o comunque costringere Microsoft ad estendere, augurabilmente per sempre, la disponibilità del veterano dei sistemi operativi Windows. La proposta ha fatto il giro del web, tanto da spingere Redmond a pronunciarsi ufficialmente a riguardo. Anche se più di una risposta si dovrebbe parlare di una sorta di presa d'atto che non modifica in alcuna maniera gli attuali piani della corporazione.

"Siamo a conoscenza della petizione - ha dichiarato un portavoce Microsoft a Computerworld nei giorni scorsi - ma stiamo prima di tutto ascoltando il feedback proveniente dai nostri partner e consumatori sulle scelte che possano avere senso basandoci sulle loro necessità. È grazie a questo che abbiamo maturato la nostra decisione di estendere la disponibilità di XP almeno all'inizio, ed è questo che continuerà a guidarci".

01_-_Windows_sVista.gif

Windows XP finirà dunque la sua vita commerciale a giugno 2008, e apparentemente a poco vale il fatto che la maggioranza dei firmatari della petizione - incluso chi scrive - siano, come giustamente fa notare Slashdot, utenti Windows alla pari di quelli che il gigante del software sostiene di avere in così gran conto per le proprie scelte.

Dopo il termine del 30 giugno ci sarà ancora la possibilità di ottenere una copia "licenziata" di XP per i produttori di PC brandizzati fino a gennaio 2009, così come l'edizione Starter Edition del sistema operativo continuerà a essere commercializzata nei mercati emergenti fino al 30 giugno 2010, ma oltre non si andrà.

D'altronde le vendite di Vista vanno come previsto: "Globalmente possiamo confermare di aver venduto più di 100 milioni di licenze e più di 42 milioni di PC per mezzo di contratti di licenze a volume" dicono da Microsoft, e già si vedono "indicatori positivi che ci stiamo già spostando dalla fase della prima adozione al mercato mainstream e che sempre più aziende stanno cominciando a pianificare l'installazione di Windows Vista".

Le vendite di Windows Vista vanno bene, ma le firme per la petizione crescono: la newsletter di Save XP comunica il raggiungimento di quota 90.000 sottoscrizioni dal 14 gennaio 2008, e l'obiettivo delle 150.000 firme uniche entro il prossimo marzo si fa sempre più vicino.

Windows Vista vende bene, e intanto aumenta il numero di produttori che offre la possibilità di fare il downgrade a XP: dopo Dell, HP, Lenovo e Fujitsu recentemente anche NEC è entrata nel club predisponendo il kit "FlexLoad", grazie al quale passare da Vista a XP Professional in soli 15 minuti. Anche se in quest'ultimo caso l'offerta si rivolge solo a chi ha acquistato la versione Business del nuovo sistema.

Vista venderà anche bene, ma Gartner consiglia a Microsoft di estendere ulteriormente la disponibilità commerciale di XP. Troppe le incompatibilità di Vista con software largamente utilizzati, dicono gli analisti, indi per cui XP dovrebbe vivere ancora almeno per l'intero anno 2008.

Tutto starà ora a vedere se "Save XP" raggiungerà la massa critica di utenti necessaria a ridurre a più miti consigli Microsoft, facendogli passare la voglia di liquidare quanto prima il suo sistema di maggior successo per cominciare una nuova "spennatura dei polli" tramite le bizzarrie commerciali caratteristiche di Windows Vista.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.29 sec.
    •  | Utenti conn.: 69
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.12