Punto informatico Network

20080829205754

I kernel malware all'assalto di Windows

06/03/2007
- A cura di
Archivio - Lo studio di una nota società di sicurezza mette in guardia sull'aumento della proliferazione dei codici maligni che attaccano il cuore stesso del sistema operativo.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , malware (1) , kernel (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 136 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

01_-_F-Secure_logo.gifIl weblog di F-Secure ha recentemente pubblicato un intervento particolarmente interessante per chi si occupa di sicurezza informatica. Il post comunica la disponibilità al pubblico di un recente studio condotto della società finlandese, incentrato sul cosiddetto kernel malware.

Intitolato Kernel Malware: The Attack from Within, lo studio definisce in dettaglio che cosa sono i kernel malware, come funzionano e il perché siano così pericolosi e complessi da neutralizzare. In breve, i malware da kernel sono quegli agenti patogeni (worm, trojan, virus, rootkit, ...) che prendono di mira il nucleo fondamentale del sistema operativo: una volta iniettata l'infezione negli strati a più basso livello della comunicazione tra codice e macchina, risulta oltremodo facile per il parassita informatico avere il controllo totale del PC.

La ricerca analizza in dettaglio due casi interessanti di malware che utilizzano tecniche kernel-mode per evitare di essere intercettati e bypassare i firewall personali. Fa poi da corollario fondamentale allo studio una ricca serie di diapositive, diapositive che illustrano l'evoluzione di questa tipologia di infezioni nel corso del tempo: le slide mostrano in maniera molto chiara l'aumento esponenziale di sample virali di questo genere.

Una figura in particolare, che qui riportiamo, è oltremodo efficace nel descrivere la situazione: dal 2004 alla fine del 2006, il numero di famiglie di malware parassitanti il kernel di Windows è aumentato di un fattore 8. La motivazione principale, sostiene il ricercatore di F-Secure autore dello studio, è da ricondurre all'incremento del numero di infezioni che usa rootkit kernel-level per nascondere la propria presenza sul sistema compromesso.

02_-_Kernel_malware_families.gif

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 56
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.15