Punto informatico Network

DVD, drive, DVD drive

Nuova protezione anti-copia per i DVD

19/05/2006
- A cura di
Archivio - Una compagnia asiatica ha messo a punto una tecnologia in grado di impedire il funzionamento dei software più usati per la creazione di copie dei dischi originali..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

dvd (1) , protezione (1) , anti-copia (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 206 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

DVD Edge-9, questo il nome del nuovo, sfavillante ritrovato nel campo delle tecnologie di protezione dei contenuti. L'ha messo a punto Asian Media, millantandone le capacità di contrasto dei tentativi di ripping di software come DVDFab Decrypter o lo "zombi" DVD Decrypter, passato ormai a miglior vita ma ancora largamente usato dagli appassionati di digital copy (per maggiori dettagli, Macrovision infierisce sul cadavere di DVD Decrypter).

01_-_Copy_Protection.jpgProvando a decifrare le chiavi CSS di un DVD originale protetto con Edge-9, i suddetti software vanno inevitabilmente in crash, sostengono alla compagnia. La nuova tecnologia è stata sviluppata da una DRM pre-esistente, pensata per il formato Video-CD, e ulteriormente raffinata dopo un debutto non proprio confortante su DVD-Video. I dischi protetti con le versioni iniziali di DVD Edge-9, infatti, mostravano la perniciosa tendenza a risultare illeggibili sui lettori DVD-ROM di prima generazione e PlayStation 2.

Asian Media sostiene che, infine, i risultati ottenuti nella scorsa ultima settimana di Febbraio possono essere considerati "soddisfacenti": pur conservando la piena leggibilità, i dischi protetti risultano inattaccabili dai tentativi di ripping via software. Stando sempre a quel che sostiene la compagnia...

Non di rado simili protezioni sono causa di illeggibilità dei supporti originali, pagati non certo 2 cent, e i precedenti di DVD Edge-9 non giocano certo a suo favore. Di contro, si può star certi della inefficacia della protezione nella attività di contrasto alla pirateria: come già indicato per AACS (la tecnologia pensata per proteggere i nuovi contenuti ad alta definizione su supporti Blu-ray e HD DVD), il motivo d'esistere dei sistemi DRM risiede più nella volontà di dominio e di controllo (dei mercati, degli utenti, ...) dell'industria, piuttosto che nella reale volontà di inibire le copie non autorizzate (prese anzi a pretesto per la Santa Crociata mossa contro gli infedeli usurpatori del sacro diritto d'autore).

E i possibili disagi di chi, acquistato l'originale, si trovasse nell'impossibilità di leggerlo sul proprio lettore? Un male minore, prezzo da pagare per attuare il mondo perfetto e asettico governato dalle DRM e dalle tecnologie anti-copia.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 2.71 sec.
    •  | Utenti conn.: 95
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 2.34