Punto informatico Network
Nota, musica, CD, leggio, trasparente, trasparenza

Google e la trasparenza

02/05/2013
- A cura di
Tecnologia & Attualità - La riservatezza dei dati personali è messa a dura a dura prova da richieste provenienti da ogni dove.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (1) , trasparenza (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3 calcolato su 4 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Trasparenza.jpg

La settima relazione semestrale sulla trasparenza ricalca in gran parte quelle che l'hanno preceduta. I governi continuano a premere per avere dettagli dell'utenza e per rimuovere contenuti pubblicati. Se non bastasse ci sono anche i titolari del diritto d'autore e i tribunali.

Altre aziende, sull'esempio di Google, hanno proposto la propria relazione sulla trasparenza. A luglio 2012 è toccato a Twitter, a marzo di quest'anno a Microsoft. Altre società che hanno pubblicato i loro resoconti sono DropBox, Sonic.Net, SpiderOak e LinkedIn. Ma non tutte le aziende riescono ad accedere ai dati dei propri utenti nella medesima maniera. Il provider SpiderOak non ha la vasta conoscenza dell'utenza che vanta Google. Infatti i dati che riguardano l'utente sono codificati prima di essere memorizzati. Di fatto il contenuto è inaccessibile e l'azienda non può rivelarlo ai richiedenti.

In questo momento Google sta lottando contro una lettera della sicurezza nazionale che, ai sensi del Patriot Act, permette di accedere a dati personali senza che i soggetti interessati dall'indagine ne siano informati. Una recente sentenza ha stabilito che queste lettere non sono incostituzionali. Ma sulla loro legittimità la partita è ancora aperta. Tra l'altro Google fa sapere di aver ricevuto 10 false ordinanze di tribunali per la rimozione di contenuti online.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2019 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 30
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 44
    •  | Tempo totale query: 0.05