Punto informatico Network

20081226175853_163967738_20081226175758_1495029030_sadasd.png

Apple accontenta i professionisti

25/10/2005
- A cura di
Archivio - Nell'evento tenutosi a New York il 19 Ottobre 2005, Apple ha presentato i nuovi modelli dei PowerBook, dei PowerMac ed un nuovo software dedicato ai professionisti della fotografia, Aperture.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

apple (1) , professionisti (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 106 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

L'ultimo (!?) evento Apple di questo periodo, è stato rivolto ai professionisti, in una sede di tutto rispetto, durante il PhotoPlus Expo tenutosi in questi giorni a New York.

I professionisti aspettavano con ansia l'evento, perché sembrava quasi che questo settore di mercato fosse stato dimenticato da Apple dopo i forti sforzi dell'azienda nel campo del consumer computing e della musica (iPod ed iTunes).

Sono stati i professionisti infatti, che in ogni momento, anche quelli peggiori, hanno creduto in Apple e nelle sue tattiche; professionisti oggi ricompensati con questi annunci.

PowerBook

Pb.jpgRinnovati i modelli da 15''e 17'': nuovi schermi, con risoluzione maggiore (fino a 1680x1050 pixel per il modello da 17''), supporto nativo per l'Apple Cinema Display da 30'', pannelli più brillanti del 46% ed una nuova batteria con una capacità aumentata del 22%.

Nessuna novità sul fronte dei processori, ma rinnovati sono i masterizzatori ora tutti a doppio strato 8X. Dotazione di RAM base, 512MB di tipo DDR PC2-4200.

Prezzi ritoccati verso il basso, come al solito: 1.619,00€ per il modello da 12'', 2.079,00€ per il modello da 15''e 2.599,00€ per il modello top da 17''.

PowerMac

Pmac.jpgLe novità maggiori vertono su questa famiglia, che da oggi supporta il nuovo processore IBM PPC 970MP (dual core), con una cache di secondo livello da 1MB per ogni nucleo, un massimo di 16GB di RAM supportati ed una capacità di immagazzinamento di 1TB (1000GB).

Ora i PowerMac supportano PCI Express per quanto riguarda il video, con la NVIDIA GeForce 6600 con 256 MB di Vram come scelta base (quattro sono le schede video selezionabili) con ben tre slot liberi, per montare fino a quattro schede video assieme.

La famiglia si presenta con il "piccolo" da 2GHz a doppio nucleo, per poi sfilare verso l'intermedio da 2,3GHz sempre doppio nucleo, fino ad arrivare a Quad: due processori a doppio nucleo da 2,7GHz... impressionante.

Masterizzatore SuperDrive 16X doppio strato per tutta la famiglia.

I prezzi delle configurazioni base sono, rispettivamente: 2.079,00€, 2.599,00€, 3.419,00€.

E se proprio non ci si accontenta, si può puntare al modello personalizzato, pompato al massimo, al modico prezzo di 18.733,00€... ovviamente non vi serve se dovete solo giocare!

Aperture

Aperture.jpgNuovo software per la post-produzione fotografica, rivolto soprattutto al formato RAW.

Strumenti che vanno dal fotoritocco, alla gestione dei portfolio, dalla condivisione su rete fino alla stampa finale.

Molte le novità di questo programma, soprattutto la gestione dei processi in maniera non-distruttiva, tecnica secondo la quale le immagini modificate non sono dei duplicati dell'originale, ma una lista di operazioni da eseguirci sopra per otterene le modifiche; così lo spazio su disco non si riduce drasticamente e la gestione dei file modificati è più snella e veloce.

499,00€

Cinema Display

Apple ha approfittato dell'evento per abbassare i prezzi dei propri display:

Apple Cinema Display 23''passa da 1.599,00€ a 1.399,00€

Apple Cinema Display 30''passa da 3.199,00€ a 2.699,00€

Concludendo, mi permetto di citare Roberto Rota quando dice: "Un messaggio chiaro: questo è il massimo ottenibile a questo momento, di più non si può spremere dai processori e proprio per questo che Apple ha guardato altrove.

Considerato tutto non è poi così poco."

Ora quindi non ci resta che aspettare il 2006 per vedere i prossimi Mac Intel-based.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.26 sec.
    •  | Utenti conn.: 109
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.12