Punto informatico Network

Box, scatola, cilindro, headless, server, cubo

MegaLab.it ha un server tutto suo

24/10/2005
- A cura di
Zane.
MegaLab.it - Ci siamo: dopo parecchi anni di spazio gratuito ed in seguito di hosting condiviso, MegaLab.it sbarca ora in america con un server dedicato. Una mossa indispensabile per mantenere on-line il portale. Update: Migrazione ormai ultimata, e forum già riaperto.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

megalab.it (1) , server (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 216 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

La migrazione è stata ormai ultimata, ed è con immenso piacere che dalla giornata di sabato abbiamo riaperto anche il forum.

È stata dura ma speriamo ne sia valsa la pena: buon divertimento a tutti.

A partire dai prossimi giorni MegaLab.it avrà un server dedicato tutto suo, con una maggiore potenza di calcolo ed una migliore larghezza di banda. Mserverino.gif

Se tutto va come sperato quindi, possiamo dire addio ai vari problemi di Internal Server Error che ci hanno attanagliati di quando in quando negli ultimi mesi, e saremo finalmente in grado di tenere aperto il forum senza interruzioni per 24 ore al giorno.

La macchina è un Intel Celeron 1.7 GHz con 512MB RAM, un hard disk IDE da 60GB e abbiamo a disposizione fino a 500 GB di traffico al mese: se per il momento questa configurazione dovrebbe essere sufficiente, abbiamo già in programma di potenziare l'hardware in caso il trend di crescita di MegaLab.it si mantenga a questi livelli.

Il sistema operativo scelto è FreeBSD 5.4 in congiunzione al database MySQL per il backend ed Apache con PHP come application server, il tutto amministrato via SSH e Plesk, con phpMyAdmin con interfaccia verso la base dati.

Il server è ospitato a San Diego, sulla cosa ovest degli Stati Uniti: a questa pagina una bella foto via satellite della zona.

Il passaggio al nuovo provider dovrebbe essere pressoché indolore, ed il downtime dovrebbe essere davvero minimo: ad ogni modo, in caso il sito non dovesse essere raggiungibile nei prossimi giorni, la causa è da attribuirsi quasi sicuramente all'operazione di migrazione attualmente in corso.

Si tratta sicuramente di un (inevitabile) salto di qualità per MegaLab.it: se solo pochi anni fa l'hosting presso uno dei tanti fornitori di spazio gratuito era sufficiente, ora il progetto sta andando davvero forte, e con oltre un milione di pageview al mese (con un +100.000 di media al mese) la migrazione verso un sistema completamente dedicato è stato quasi un obbligo.

Colgo l'occasione per ringraziare in primo luogo tutti i nostri visitatori e tutti gli iscritti al forum per la preferenza accordataci, e tutti i componenti dello staff, i moderatori, i redattori ed i grafici che ogni giorno spendono parecchie ore del proprio tempo per aiutare gli altri e costruire insieme un grande polo di comunicazione indipendente.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.25 sec.
    •  | Utenti conn.: 140
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.11