Canali
20110112131742_1617030467_20110112131739_318350296_WordPress-logo.png

Qualche trucco per velocizzare il tuo sito realizzato con WordPress

13/01/2011
- A cura di
Internet - WordPress è un CMS molto diffuso e apprezzato per la realizzazione di blog e siti web. Uno dei suoi punti deboli però è la pesantezza, che incide negativamente sulle prestazioni. Vediamo qualche trucco per dare una marcia in più alle nostre pagine in poche, semplici mosse.

Download

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

trucco (1) , blog (1) , wordpress (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 11 voti

WordPress è un CMS molto diffuso, adatto alla creazione di blog, siti web, e-commerce, forum e tanto altro. Le sue funzionaltà sono molteplici, grazie ai numerosissimi plugin disponibili, ed è flessibile, intuitivo e facile da usare.

Rispetto ad altre soluzioni analoghe è però piuttosto pesante e questo aspetto spesso si riflette negativamente anche sulla velocità di caricamento del sito. Vediamo assieme qualche trucco per alleggerirlo, guadagnando in velocità e risorse del server.

Eliminare i widget non indispensabili e ottimizzare le immagini

Molto spesso la sidebar viene riempita con widget inutili che, ed oltre a non essere di alcun aiuto per i visitatori, appesantiscono il sito stesso. Chiediamoci cosa serve davvero ai nostri utenti ed eliminiamo quei widget che, seppur apprezzabili da un punto di vista grafico, risultino superflui o troppo ingombranti.

Un altro aspetto importante, ma che spesso viene sottovalutato, è il peso delle immagini utilizzate negli articoli o che sono parte del layout del sito. Un'immagine per una pagina web non dovrebbe superare i 25-30 kB, ma la maggioranza delle immagini che si trovano nel web o che carichiamo dalle moderne macchine fotografiche digitali superano ampiamente queste dimensioni. Per rendere più leggere le immagini che abbiamo intenzione di utilizzare in una pagina web è consigliabile convertirle in formato jpg, con un programma come IrfanView. Basta aprire il programma e premere B per attivare la schermata dalla quale è possibile selezionare i file da convertire e personalizzare le varie opzioni (quelle di default vanno bene).

IrfanView.jpg

Il programma permette anche di convertire immagini in serie, ridimensionarle e rinominarle.

Se non volete installare ulteriori software nel vostro PC, lo stesso risultato si può ottenere con dei servizi online, come TuttoWebMaster- Ottimizzatore immagini e Go2Convert.

Utilizza un plugin per la gestione della cache

Per WordPress ne esistono diversi ma i più usati sono: Wp-Super Cache, W3 Total Cache e DB Cache Reloaded. Io preferisco quest'ultimo perché l'attivazione è semplice e non necessita di configurazione.

Dopo averlo installato e attivato come un qualsiasi plugin, è sufficiente andare in Impostazioni, DB Cache Reloaded, spuntare la casella Abilità e salvare. Per far funzionare i plugin per la cache in modo corretto dalla versione WordPress 3.0 è necessario aggiungere al file config.php, sotto la direttiva define relativa alla lingua, la stringa:

Installa WP-Minify per comprimere CSS e Javascript

Un altro plugin che può venirci in aiuto per dare una marcia in più al nostro sito è WP-Minify: si occupa di comprimere e ottimizzare CSS e Javascript in modo del tutto automatico.

Se non siete esperti, vi sconsiglio di modificare le impostazioni di default del plugin perché potreste causare dei problemi nella visualizzazione del vostro tema o di altri componenti aggiuntivi. Inoltre WP-Minify vi permette di escludere alcuni file .css e .js dalla compressione, nel caso non funzionassero correttamente se compressi.

Wp-minify.PNG

Il componente può essere scaricato da qui.

E ora... verifichiamo!

Se abbiamo eseguito tutti i passaggi di cui abbiamo parlato sopra, possiamo ora verificare se le modifiche apportate hanno realmente incrementato le performance del nostro sito. Grazie a un potente tool online, GTmetrix, possiamo ottenere un report dettagliato.

Gtmetrix.PNG

GTmetrix analizza infatti i siti web utilizzando Yslow di Yahoo! e Page Speed di Google ed alcune preziose informazioni come il tempo di caricamento, il page size totale e il numero di richieste al server. Sarebbe utile fare una scansione del sito prima e dopo la modifiche per poter notare il miglioramento, che vi assicuro sarà evidente. Da notare che è possibile anche eseguire un confronto tra più siti e quindi controllare la concorrenza!

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.22 sec.
    •  | Utenti conn.: 28
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 21
    •  | Tempo totale query: 0.1