Punto informatico Network

20100103091645_316355507_20100103091610_541137657_4281virus.jpg

La digicamere di Olympus hanno un malware incorporato

11/06/2010
- A cura di
Zane.
Sicurezza - Un migliaio di fotocamere "Stylus Tough" sono dotate di un accessorio del quale si sarebbe volentieri fatto a meno: un malware pronto a compromettere i PC collegati via USB. Olympus si scusa, e spiega come identificare gli apparecchi difettosi.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

digicamere (1) , malware (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 6 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Numerose fonti d'oltreoceano stanno segnalando in queste ore che un malware è finito a bordo delle macchine fotografiche digitali commercializzate da Olympus.

Tough.jpg

La conferma è arrivata tramite un advisory pubblicato dalla Casa stessa (qui tradotto automaticamente dal giapponese all'italiano). Nel comunicato, oltre a porgere "sentite scuse" a tutti i consumatori per l'accaduto, Olympus spiega che il malware si è imbarcato su pocopiù di 1.700 unità del modello Stylus Tough (µTOUGH-6010).

Il codice non infetta la digicamera stessa, ma è semplicemente memorizzato sulla scheda d'archiviazione interna dell'apparecchio, pronto a compromettere poi i sistemi Windows ai quali il dispositivo venisse collegato tramite USB.

L'ospite indesiderato cerca di avviarsi sfruttando la funzionalità "autorun", ma è comunque già correttamente intercettato da tutti i principali software antivirus in circolazione.

Gli utenti che avessero recentemente acquistato l'apparecchio possono verificare se sono in possesso di un esemplare interessato dal problema immettendo il numero di serie a questa pagina.

Non è certo la prima volta che gadget digitali di vario tipo vengono venduti con malware assortito a bordo: uno dei casi più curiosi degli ultimi tempi è quello di Energizer che, come forse si ricorderà, aveva distribuito addirittura un caricabatterie compromesso da un cavallo di troia.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.23 sec.
    •  | Utenti conn.: 121
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.11