Punto informatico Network

20090422154020_137263391_20090422153958_252892913_Untitled.png

"Tassa Microsoft"? Si può chiedere il rimborso

02/08/2010
- A cura di
Zane.
Mondo Windows - Il Tribunale di Firenze conferma: rifiutare la copia di Windows pre-installata sui nuovi calcolatori rientra fra i pieni diritti del consumatore.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

windows (1) , rimborso (1) , rimborso windows (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 4 calcolato su 16 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.

Sebbene la presenza di una copia pre-installata di Windows sui nuovi PC costituisca una comodità per per la maggior parte degli utenti, sono numerosi anche coloro che preferirebbero acquistare i calcolatori sprovvisti del sistema operativo Microsoft, per poi procedere autonomamente al setup di Linux o di una versione "full" già in possesso di Windows stesso.

Le motivazioni sono prettamente economiche: contrariamente a quanto possa sembrare, la licenza "OEM" per l'uso di Windows ottenuta in questo modo non è gratuita. La voce di costo non è evidente semplicemente perché viene affogata nel prezzo complessivo del sistema.

Ottenere il rimborso per quella che viene amichevolmente definita "tassa Microsoft" non è per niente facile, ma, ha confermato un magistrato del Tribunale di Firenze, rientra nei pieni diritti del consumatore.

Il giudice, dott.ssa Isabella Mariani, ha infatti rigettato da alcuni giorni l'appello di HP Italia: il colosso tentava di sovvertire una sentenza dell'ottobre 2007 nella quale veniva sancita le leggittimità di rifiutare la licenza di Windows pre-installata ed ottenere così un risarcimento.

L'Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori (ADUC), fra le parti schierate a favore della libertà di scelta, ha accolto con entusiasmo la decisione "Si ha diritto all'acquisto esclusivo dei soli prodotti che si scelgono, si vogliono e sopratutto si conoscono. Nella fattispecie il solo PC senza il software.", sottolinea il gruppo.

Come procedere

Nonostante la sentenza, l'iter per ottenere il rimborso è ancora tutt'altro che semplice: l'utente interessato è chiamato a declinare l'accordo di licenza Microsoft subito dopo la primissima accensione del PC, quindi contattare il venditore ed inoltrare la propria richiesta.

Frattanto, ADUC spinge anche per una azione giudiziaria collettiva che possa semplificare le cose: tutti i dettagli sono in "ADUC muove contro la "tassa Microsoft"".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.31 sec.
    •  | Utenti conn.: 105
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.17