Punto informatico Network

Contenuto Default

Scotland Yard cattura il super cracker

17/06/2005
- A cura di
Archivio - Arrestato l'uomo che ha fatto impazzire i responsabili della sicurezza dei sistemi informatici americani..

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

cracker (1) , scotland yard (1) , scotland (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 118 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

01_-_Hacking.jpgLo Yard di Sua Maestà è riuscito a scovare ed arrestare Gary McKinnon, uno dei cracker più ricercati dai servizi di sicurezza americani e non solo. All'uomo, che oggi ha 39 anni ed è disoccupato, vengono contestate alcune delle più gravi incursioni telematiche che siano mai state scoperte. McKinnon si sarebbe servito delle sue conoscenze per realizzare, tra il 2001 e il 2002, aggressioni ripetute a diversi server militari americani: in dettaglio, circa 53 attacchi a reti della Difesa degli Stati Uniti, inclusi il Pentagono e l'Air Force, senza disdegnare qualche affondo ai server della Nasa.

Gli esperti americani stimano il danno subito in almeno un milione di dollari, denaro impiegato per analizzare e riconoscere il tipo di attacchi e per aggiornare le barriere difensive dei sistemi colpiti. Senza contare, inoltre, il materiale trafugato e cancellato, e le backdoor che il criminale avrebbe lasciato aperte sui server per garantirsi la possibilità di poter ritornare a far danni.

Vista la gravità dei crimini, L'America vuole l'estradizione immediata di McKinnon ma, e qui sta il bello, Scotland Yard non è d'accordo.

La polizia statunitense e quella inglese non riescono quindi a raggiungere un compromesso su come gestire di comune accordo il caso. Le autorità britanniche non danno per scontata l'estradizione, mentre in America l'uomo è già stato condannato in contumacia dal 2002 ad opera del Gran Giurì Federale, per crimini commessi in 14 diversi stati della nazione.

All'epoca della condanna, un avvocato di spicco ebbe a dire che "McKinnon è imputato del più grave attacco telematico di tutti i tempi", ora è da vedere se gli Americani avranno mai la possibilità di far scontare la pena al cittadino britannico, attualmente tenuto in custodia dagli uomini della sicurezza inglese.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.35 sec.
    •  | Utenti conn.: 85
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 20
    •  | Tempo totale query: 0.17