Punto informatico Network

20090806212608_337556791_20090806212554_109929319_twitter-logo.png

La Biblioteca del Congresso archivierà ogni singolo cinguettio

16/04/2010
- A cura di
Zane.
Tecnologia & Attualità - Uno fra i più importanti enti culturali statunitensi archivierà ogni messaggio mai apparso su Twitter. L'obbiettivo è quello di preservare la memoria storica dell'attuale generazione.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

internet (1) , storia (1) , twitter (1) , biblioteca del congresso (1) , cultura (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 3.5 calcolato su 7 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Che i dettagli della colazione di milioni di utenti possano avere un valore culturale? secondo il governo USA evidentemente sì.

La Biblioteca del Congresso, una delle più ampie del mondo come numero di opere conservate, ha infatti deciso di archiviare ogni singolo messaggio apparso su Twitter, partendo fino dalla nascita del servizio del 2006.

Il lavoro dell'ente e le risorse tecniche che sarà necessario mettere in gioco sembrano tutt'altro che trascurabili: stando agli ultimi dati pubblicati, qualcosa come 55 milioni di nuovi messaggini vengono immessi quotidianamente nel servizio.

Lo scopo della Biblioteca è quello di preservare per le generazioni a venire le informazioni immesse sulla piattaforma, evitando che comunicati potenzialmente interessanti dal punto di vista storico e sociale possano andare smarrite: BBC cita ad esempio i cinguettii del presidente Barack Obama nel giorno in cui vinse le elezioni, a fianco del primissimo messaggino immesso sulla piattaforma dal co-fondatore del servizio Jack Dorsey

MLIShot1.jpg

Ma non solo: incrociando messaggi e repliche, gli storici di domani saranno in grado di ricostruire le reazioni del pubblico ad eventi e decisioni di rilievo, valutando poi come i punti di vista si siano eventualmente modificati nel corso del tempo.

Google potenzia la ricerca in tempo reale

Frattanto, Google ha implementato un nuovo strumento a disposizione di coloro che fossero interessati a setacciare Twitter a caccia di informazioni, pensieri e reazioni: si tratta di Replay it, ed è un'estensione di quello stesso Real-time search che ha debuttato alcuni mesi addietro.

Selezionando Opzioni -> Aggiornamenti e immettendo la stringa nel motore, sarà possibile visualizzare un grafico "zoomabile" fino ad un dettaglio orario con il numero di messaggini apparsi per quello specifico argomento, oltre che i messaggi stessi.

Lo strumento attualmente funziona solamente nella versione inglese e solamente accedendo al servizio da uno specifico link, ma verrà presto reso disponibile al grande pubblico internazionale.

Frattanto, Big G provvederà anche ad ampliare i propri indici fino al primo messaggio del 2006: oggi infatti, lo strumento funziona solamente con i messaggi inseriti dopo l'11 febbraio dell'anno corrente.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.36 sec.
    •  | Utenti conn.: 94
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.22