Punto informatico Network

20090505094839_875976324_20090505094809_1377215891_safezone.png

Symantec ragguaglia gli utenti sull'uso di antivirus gratuiti

13/07/2009
- A cura di
Sicurezza - Symantec mette in guarda gli utenti: un solo antivirus gratuito potrebbe non garantire il livello di sicurezza necessario al giorno d'oggi.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

utenti (1) , symantec (1) , gratuiti (1) , antivirus (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 155 voti
Il dibattito è aperto: partecipa anche tu! AvvisoQuesto contenuto ha ricevuto un numero significativo di commenti. Una volta conclusa la lettura, assicurati di condividere con tutti anche le tue impressioni! La funzionalità è accessibile subito in coda, ai piedi dell'ultima pagina.
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

La grande quantità di software antivirali gratuiti disponibili oggigiorno inizia a mettere in crisi i colossi che da anni ormai si occupano di sicurezza informatica. Al contrario di quanto si possa pensare, ormai sono più numerosi gli anti-malware gratuiti che quelli a pagamento disponibili sugli scaffali dei negozi.

Spesso poi, gli antivirus gratuiti garantiscono una protezione maggiore dei software a pagamento, ed essendo gratuiti, sono sempre tra le prime scelte degli utenti.

David Hall, Product Manager per Symantec, non la pensa esattamente così. Secondo una sua dichiarazione apparsa su SlashDot pochi giorni fa, egli sostiene che affidandosi solamente ad un antivirus gratuito la protezione garantita non è quella necessaria a tenere il computer lontano da infezioni e da furti d'identità.

Rigetta Microsoft Security Essentials, definendolo come una soluzione incompleta, affermando che gli utenti non hanno bisogno di meno protezione ma, al contrario, di maggiore sicurezza.

Hall dichiara anche che la protezione che gli antimalware gratuiti forniscono non può essere comparata a quella di una suite ben pagata.

"La maniera più comune per infettarsi al giorno d'oggi è solo navigare nei siti che tu pensi siano sicuri. Tradizionalmente, se stavi lontano da contenuti per adulti, o da siti warez, saresti stato a posto".

Secondo David, c'è un grande dislivello tra le necssità di protezione degli utenti e la quantità e la pericolosità dei malware di oggi. La diffusione di software nocivo sfrutta sempre più spesso strade alternative, che sono lo sfruttamento di falle nel browser e, soprattutto, nei plug-in aggiuntivi.

L'antivirus dovrebbe essere considerata l'ultima spiaggia, dice Hall: il software indesiderato deve essere fermato prima che possa intaccare la macchina, non dopo.

Il manager conclude: "Ecco perché un antivirus gratuito non è abbastanza, hai bisogno di tecnologie provate e testate, che vengono solo dalle più mature suite a pagamento".

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.81 sec.
    •  | Utenti conn.: 79
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.48