Punto informatico Network
Canali
8427885720090314074255_15483.jpg

Troppe ore davanti al monitor? EyeDefender si prende cura dei vostri occhi

02/06/2009
- A cura di
Tecnologia & Attualità - Con un semplicissimo programma si può evitare l'affaticamento e la stanchezza degli occhi: ecco come funziona EyeDefender.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

occhi (6) , monitor (2) , salute (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 242 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Chiunque usi il computer, per lavoro o per svago, sa perfettamente che dopo alcune ore passate con gli occhi incollati allo schermo, si cominciano ad avvertire sintomi di bruciore e secchezza oculare, visione sfuocata, affaticamento e chi più ne ha, più ne metta.

Questi disagi prendono il nome di Computer Vision Syndrome, e purtroppo circa i 3/4 dei lavoratori che utilizzano un computer ne sono affetti.

Per tutelare la salute del lavoratore è stato emanato il decreto legge 81/08 ex 626/94 art. 175 comma 3, che afferma che:

In assenza di una disposizione contrattuale riguardante l'interruzione di cui al comma 1, il lavoratore comunque ha diritto ad una pausa di quindici minuti ogni centoventi minuti di applicazione continuativa al videoterminale

Ovviamente, anche chi non usa il computer per lavoro può "attenersi a questa legge", utilizzando questo programmino.

EyeDefender si occupa infatti di sospendere le operazioni in corso per qualche minuto, concedendo all'utente di spegnere il monitor e chiudere gli occhi; programma apparentemente banale, dopo qualche "mini-sospensione" si rivela un vero toccasana, provare per credere!

Per prima cosa, scarichiamo il programma (leggerissimo, meno di 200 kB) da qui, avviamolo ed installiamolo, subito dopo comparirà un'icona nella tray bar che ci mostrerà che il programma è attivo.Tray.bmp

EyeDefender parte ad ogni avvio di Windows: per modificare questa opzione facciamo tasto destro sull'icona -> settings -> togliamo il flag a Launch on Windows startup

Nuova immagine bitmap (3).bmp

Possiamo anche scegliere la durata delle pause e quella tra una pausa e l'altra, andando rispettivamente su icona nella tray -> tasto destro -> Break duration e icona nella tray -> tasto destro -> Intervall beetwen braks.

Oltretutto possiamo vedere l'avanzamento in percentuale tra una pausa e l'altra passando sopra l'icona con il mouse o vedendo l'icona colorarsi progressivamente di rosso.Nuova immagine bitmap (4).bmpquando il tempo sarà scaduto, verrà mostrata un'immagine fissa.L'utente può anche scegliere continuare senza fare la pausa cliccando con tasto destro sullo schermo -> Exit.

Exit.bmp

Questo programma è veramente utile se, quando è raggiunto il limite di tempo tra le due pause, l'utente chiudesse effettivamente gli occhi e limitasse al massimo l'impatto con ogni fonte di luce, senza spostarsi semplicemente dal monitor.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    © Copyright 2020 BlazeMedia srl - P. IVA 14742231005

    • Gen. pagina: 0.2 sec.
    •  | Utenti conn.: 48
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 45
    •  | Tempo totale query: 0.05