Punto informatico Network

20081022222255_1611985231_20081022222238_1475510705_XBUGS INCHWORM.png

Multa per divieto di sosta, attenzione al trojan

06/02/2009
- A cura di
Sicurezza - I criminali informatici escogitano un metodo nuovo per convincere le persone a visitare un sito infetto e a scaricare un malware. Tutto nasce negli Stati Uniti, con una multa sul parabrezza...

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

multa (1) , trojan (1) , malware (1) , attenzione (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 176 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Se fino a qualche tempo addietro i criminali informatici non si scomodavano e sfruttavano la rete per diffondere malware, oggi non si accontentano più della solita mail, ma preferiscono adottare una nuova strategia.

I virus-writer di Grand Forks (Stati Uniti) optano infatti per una multa sul parabrezza per divieto di sosta. In realtà la multa è ovviamente falsa, ma in questo vero e proprio pezzo di carta viene indicato un indirizzo Web nel quale sarà possibile trovare una foto incriminante della vettura.

009354-multa_trojan.jpg

Si tratta di un escamotage per arrivare alla stessa conclusione: portare l'utente a visitare un sito web contraffatto che proponga il download di software nocivo.

Chi decidesse di seguire le istruzioni presentate, si troverà a scaricare una toolbar il cui eseguibile è denominato PictureSearchToolbar.exe che, una volta installata, non è altro che il celeberrimo Trojan/Adware Vundo.

Il Trojan provvederà poi ad avvertire l'utente dell'infezione, e proporrà il download di un rogue antivirus (falso antivirus) per ovviare al problema.

Se è sicuro che milioni di mail di phishing portano un profitto, viene da chiedersi se davvero utenti infetti da un malware possano ripagare la fatica e il tempo buttato via per la consegna delle finte multe.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.3 sec.
    •  | Utenti conn.: 85
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.13