Punto informatico Network

20090202182026_641601264_20090202181941_230320674_Google_Earth_Icon_by_j1997GA16DE.png

Anche sott'acqua con Google Earth 5.0

06/02/2009
- A cura di
Software Applicativo - La nuova versione del mappamondo digitale di Google offre tante interessanti novità tra cui anche una funzione che permette di esplorare i fondali marini.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

google (2) , google earth (1) , earth (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 183 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

La nuova versione di Google Earth si è spinta ancora più lontano della precedente. Le novità apportate sono veramente tante e variegate, in grado di soddisfare praticamente ogni curiosità.

Collaborando con National Gegraphic e BBC è stato ricostruito, interamente in 3D, il mondo sottomarino. È ora possibile immergersi negli oceani ed osservarne il paesaggio, con integrazioni relative alle specie viventi, cambiamenti climatici ed osservazioni scientifiche di svariato tipo.

NASA ha dato il suo contributo nella realizzazione del paesaggio extraterrestre: alla voce "pianeti" è possibile persino andare su Marte e visualizzarne la ricostruzione del territorio, sviluppata con l'aiuto delle varie rilevazioni delle sonde spaziali.

Altra funzionalità particolarmente interessante è quella che permette all'osservatore di tornare indietro nel tempo. In questo modo è dunque possibile visualizzare l'effetto di eventi climatici come l'erosione delle coste e delle montagne, i cambiamenti del suolo come la nascita delle città o lo sparire dei boschi; tutto questo è fornito con una panoramica completa, e spesso tridimensionale, sull'evoluzione della Terra.

Ma queste sono solo le innovazione maggiori: moltissime sono le funzioni secondarie tra cui citiamo solamente la possibilità di effettuare cambiamenti d'ombra variando la posizione del sole, la disponibilità di un sistema di ricerca con una maggiore granularità. Significative anche la possibilità di visualizzare le città più importanti con edifici in tre dimensioni e l'opzione grazie alla quale creare video personali.

Gli sviluppatori hanno approntato un filmato nel quale sono presentante le principali novità di questa versione.

Dopo tutto questo lavoro già ci chiediamo quanto potrà spingersi avanti la prossima versione.

Il download gratuito di Google Earth 5.0 è disponibile partendo da qui, mentre per maggiori informazioni si rimanda alla pagina di presentazione del programma.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.53 sec.
    •  | Utenti conn.: 81
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 18
    •  | Tempo totale query: 0.15