Punto informatico Network

20080829211051

È arrivata la fine per i server eMule?

26/11/2008
- A cura di
Zane.
Filesharing Peer-to-peer - La maggior parte dei server di indicizzazione file non funziona, oppure è pesantemente filtrato. Kademlia è l'unica salvezza per gli utenti del Mulo.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

kademlia (2) , emule (1) , server (1) , ed2k (1) , kad (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 398 voti
Il pezzo che stai leggendo è stato pubblicato oltre un anno fa. AvvisoLa trattazione seguente è piuttosto datata. Sebbene questo non implichi automaticamente che quanto descritto abbia perso di validità, non è da escludere che la situazione si sia evoluta nel frattempo. Raccomandiamo quantomeno di proseguire la lettura contestualizzando il tutto nel periodo in cui è stato proposto.

Il sito Peerates.net, divenuto negli ultimi anni un vero e proprio riferimento in materia di server ed2k, ha pubblicato alcuni giorni fa quello che suona come un vero e proprio necrologio dei server dedicati ad eMule.

Stando a quanto riportato, la situazione sarebbe davvero critica per lo stato di salute dei nodi di indicizzazione: la maggior parte è irraggiungibile a causa di attacchi di tipo Distributed Denial of Service (DDoS), mentre quelli ancora attivi sono soggetti a filtri dalle maglie strettissime, che impediscono la condivisione di qualsiasi file non sia "di pubblico dominio".

Sebbene i server non godano di buona salute, eMule non è ancora finito: l'articolo suggerisce infatti l'utilizzo della sola rete Kademlia, il network completamente decentralizzato che consente di effettuare ricerche e connettersi agli altri peer senza bisogno dell'intermediazione da parte di un server centrale.

Il sistema, implementato appositamente per consentire ad eMule di sopravvivere anche in assenza di server, è ormai sotto il microscopio degli sviluppatori da molto tempo, ed ha raggiunto uno stadio evolutivo ormai sufficiente ad essere utilizzato in pianta stabile.

D'altro canto però, non è solo il problema della ricerca ad intralciare gli utenti del celeberrimo programma di condivisione. Quasi la totalità dei provider ADSL italiani, blocca, rallenta o comunque intralcia la fruizione del servizio in modo piuttosto aggressivo, rendendo il futuro del Mulo sicuramente incerto.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter, e ti segnaleremo settimanalmente tutti i nuovi contenuti pubblicati su MegaLab.it!

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.38 sec.
    •  | Utenti conn.: 97
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 19
    •  | Tempo totale query: 0.26