Punto informatico Network

Canali
Disco, rete, connesso, LAN, collegato, disco di rete, network disk, risorse, condivisione, share

Teniamo sotto controllo le risorse condivise

27/08/2010
- A cura di
Tecniche Avanzate - Monitorare le cartelle condivise grazie a KillWatcher, una piccola utility che permette di gestire le risorse di rete e gli utenti che le usano.

Tag

Passa qui con il mouse e visualizza le istruzioni per utilizzare i tag!

controllo (1) , risorse (1) , cartelle (1) .

Valutazione

  •  
Voto complessivo 5 calcolato su 368 voti

KillWatcher è un piccolo programma freeware che può essere impiegato per tenere d'occhio le condivisioni del proprio elaboratore, siano esse cartelle condivise create dall'utente (con o senza il $ per renderle visibili tra le risorse di rete) siano esse condivisioni amministrative create o meno dal sistema operativo.

KillWatcher è in grado di lavorare anche in reti dove gli amministratori di dominio possono fare tutto sulle varie macchine locali (macchine a dominio).

Il programma in questione è scaricabile come tool singolo a questo indirizzo, oppure come elemento compreso in una suite più ampia di nome NetView. Lo sviluppatore di entrambi i programmi è raggiungibile a questa pagina.

A solo scopo dimostrativo e informativo, se a casa (oppure al lavoro) avete una piccola rete LAN, provate a sfruttare una delle condivisioni amministrative predefinite che sistemi operativi come Windows 2000/XP/2003 offrono di default.

Per esempio, per vedere il disco C:\ del computer nomecomputer sarà sufficiente portarsi su qualsiasi altro elaboratore collegato alla rete, aprire il menu Start --> Esegui, poi digitare \\nomecomputer\c$.

Per vedere la cartella del sistema operativo (Windows oppure Winnt, per intenderci): Start --> Esegui, \\nomecomputer\admin$.

In entrambe le circostanze, verranno chiesti nome utente e password. Adesso, considerato che nella maggior parte dei casi l'utente Administrator è privo di password, il gioco è presto fatto. Da qui, la raccomandazione di dare sempre una password a tutti gli utenti del sistema.

Questi due piccoli esempi aiutano a capire perché un programma del genere può risultare utile, è sufficiente infatti conoscere username e password dell'account amministratore per vedersi loggati nel sistema. Naturalmente, la presenza di un buon antivirus e di un robusto firewall è inequivocabile.

Vediamo ora come funziona KillWatcher.

Pagina successiva
Installazione e uso di KillWatcher

 

Segnala ad un amico

Tuo nome Tuo indirizzo e-mail (opzionale)
Invia a:
    Aggiungi indirizzo email
    Testo

    megalab.it: testata telematica quotidiana registrata al Tribunale di Cosenza n. 22/09 del 13.08.2009, editore Master New Media S.r.l.; © Copyright 2017 Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. GRUPPO EDIZIONI MASTER Spa Tutti i diritti sono riservati. Per la pubblicità: Master Advertising

    • Gen. pagina: 0.43 sec.
    •  | Utenti conn.: 102
    •  | Revisione 2.0.1
    •  | Numero query: 24
    •  | Tempo totale query: 0.28